Condé Nast Italia: presidio contro chiusure ed esuberi


presidio-giornalisti-conde-nast

Il direttivo dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti ha partecipato oggi al presidio della redazione di Condé Nast Italia, organizzato sotto la sede di via Cadorna 5 per protestare contro la dichiarazione di 35 giornalisti in esubero da parte dell’azienda, che ha anche affermato al tavolo ufficiale Fnsi-Fieg di non volerli ricollocare. L’azienda ha anche ufficializzato la chiusura di 4 testate, su tre delle quali lavorano 14 colleghi.
L’Associazione Lombarda dei Giornalisti e la Federazione Nazionale della Stampa, insieme ai colleghi di Condé Nast Italia chiedono con forza la ricollocazione di tutti i giornalisti, mentre tra l’altro vige ancora in azienda un contratto di solidarietà difensiva che scade a fine anno.
“35 esuberi costituiscono circa un terzo della redazione: preoccupa questa tendenza aziendale a cercare di fare le riviste con sempre meno giornalisti”, afferma Anna Del Freo, segretario aggiunto Fnsi. “Da alcuni anni ormai la Condé Nast cerca di espellere forza lavoro contrattualizzata“.
“Gli editori continuano nella politica di taglio dei costi, mentre dovrebbero privilegiare gli investimenti sullo sviluppo dei prodotti editoriali puntando alla qualità e valorizzando il ruolo dei giornalisti”, chiosa Paolo Perucchini, presidente della Alg.

Qui l’intervento del presidente Alg Paolo Perucchini.

presidio-giornalisti-conde-nast1presidio-giornalisti-conde-nast3

 
 
 
 
 
 
 
 
 


Condé Nast, giornalisti in sciopero contro la chiusura di 4 testate e il rifiuto di ricollocare i colleghi

Giornaliste e giornalisti di Condé Nast in sciopero

L’assemblea contesta anche la dichiarazione di 35 nuovi esuberi complessivi in vigenza di un contratto di solidarietà difensiva, fino al 31 dicembre 2017, mentre in redazione o da remoto vengono usati collaboratori per svolgere il lavoro giornalistico.

L’assemblea dei giornalisti Condé Nast dichiara lo stato di agitazione e proclama una giornata di sciopero per venerdì 29 settembre.
«La redazione e il Cdr – spiega una nota – protestano contro la decisione dell’azienda di chiudere 4 testate e il rifiuto di ricollocare i colleghi impiegati nelle stesse. L’assemblea contesta anche la dichiarazione di 35 nuovi esuberi complessivi in vigenza di un contratto di solidarietà difensiva, fino al 31 dicembre 2017, mentre in redazione o da remoto vengono usati collaboratori per svolgere il lavoro giornalistico».
I giornalisti di Condé Nast continuano inoltre a porre all’azienda tre domande:
1. Il nuovo corso aziendale consiste nell’accelerazione della crisi della carta e nella dismissione delle testate per andare verso una commistione sempre più forte con la pubblicità e fuori dalla deontologia giornalistica?
2. Come sono stati usati i soldi risparmiati grazie al contratto di solidarietà?
3. È possibile che tagliare posti di lavoro sia l’unica strada individuata per far quadrare i conti?

Domande alle quali, lamentano i giornalisti, non è mai stata data risposta.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento