La Provincia di Varese chiude? Agire per non perdere una voce d’informazione sul territorio


“Un territorio che vede uno dei suoi quotidiani chiudere è un territorio che si impoverisce perché l’informazione, con il pluralismo di voci, resta il caposaldo della consapevolezza di ogni cittadino”. Per il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini, l’annunciata chiusura a fine anno del quotidiano La Provincia di Varese è un brutto segnale per tutti.
“Un’avventura iniziata 12 anni fa, divenuta una temporanea certezza per poi virare verso un lento declino: è la parabola di questo quotidiano, che ha operato in un territorio dove il valore dell’informazione è fortemente radicato in storiche presenze di giornalismo tradizionale e innovativo. Nonostante l’impegno dei giornalisti e dei collaboratori che lavorano e hanno lavorato a La Provincia di Varese, l’aver cambiato tre editori negli ultimi 5 anni e ben quattro direttori negli ultimi 3, nonché l’aver “riorganizzato” a più riprese la redazione al limite della destrutturazione, sono segnali di profonda debolezza del disegno imprenditoriale che ha sostenuto questo quotidiano. Spiace dover registrare la perdita di una testata e dei posti di chi ci lavora. Per questo, l’auspicio del sindacato è che nel rispetto delle regole, anche contrattuali, l’area del Varesotto riesca a sostenere questa voce d’informazione aiutandola, se non nella sua versione cartacea, quantomeno nell’edizione digitale. Almeno sul Web, con meno investimenti necessari, potrebbe rimanere una valida voce che rafforza il pluralismo sul territorio”.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento