Sebastiano Grasso, poesie in agguato


«Sapete che cosa di lui, come artista, mi ha conquistato? La sua, forse fatale per
un siciliano di nobili origini, passione per la passione […], l’erotismo dagli accenti
classici e metropolitani (una panacea contro l’impotenza del mondo) di
questo simpatico, inguaribile e sensuale malandrino, qual è mio fratello Sebastiano
[…]. Le poesie di Grasso, benché i protagonisti, che non sono poi così
giovani, si graffino e si mordicchino come cuccioli, alla fine hanno dato vita a
un vero libro di avventure» ha scritto Evgenij Evtushenko nella prefazione all’antologia
russa, tratta da La cenere ringrazia della brace e della favilla (2007),
che riunisce le 210 poesie dei quattro libri precedenti, dedicati alla stessa donna.

Ed ecco che ora il « libro di avventure » si arricchisce di un altro capitolo. Le 90
poesie di “Tu, in agguato sotto le palpebre” segnano una nuova tappa; suona un altro
gong su una vicenda sempre aperta, come ha evidenziato José Saramago nella
versione spagnola de Il talco sotto le ballerine. Il premio Nobel rintraccia
qualcosa «che si insinua fra le poesie o che le stesse poesie producono, come un
basso continuo che nel contempo appare vicino e soffocato nella distanza del rullio
dei tamburi che precede l’esecuzione». Adesso, però, c’è come un bagliore in
questo moderno canzoniere. Cambiano anche i moduli stilistici. «Ogni poesia di
questo volume» osserva Jacqueline Risset nella postfazione «si svolge nello spazio
approssimato del sonetto, e comporta enjambements frequenti, che corrispondono
alla sospensione di un agguato rinnovato. Si passa […] dall’osservazione
psicologica dei fenomeni amorosi alla ricerca di tracce fisiche e insieme di
metafore per raccontare e catturare la presenza che nella memoria si coglie in
frammenti di vita quotidiana».


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento