Vertenza Askanews, dall’editore nessuna risposta: proclamati stato di agitazione e assemblea permanente


I giornalisti denunciano «il grave comportamento dell’azienda e in particolare dell’ad, Daniele Pelli, che non ha ancora dato alcuna risposta né sugli stipendi, né sull’andamento dei conti, in violazione di quanto previsto dall’accordo di Cassa integrazione», scrive il Cdr. Al via lo sciopero delle firme. Chiesto un incontro urgente al governo.

I giornalisti di Askanews sono in stato di agitazione e proclamano l’assemblea permanente. Lo comunica una nota del Comitato di redazione dell’agenzia. «I giornalisti – spiega il Cdr – si sono riuniti anche oggi, dopo lo sciopero di venerdì, per il mancato pagamento degli stipendi e denunciano il grave comportamento dell’azienda e in particolare dell’Ad, Daniele Pelli, che non ha ancora dato alcuna risposta né sugli stipendi, né sull’andamento dei conti, in violazione di quanto previsto dall’accordo di Cassa integrazione».
D’intesa con la Fnsi e Stampa Romana, che sono intervenute durante il dibattito, i giornalisti annunciano lo sciopero delle firme e si dichiarano «pronti a ogni ulteriore iniziativa di lotta necessaria ad evitare che si spenga una voce autorevole dell’informazione primaria».
Il Cdr comunica che la ripresa dell’assemblea avverrà ad horas. «Di fronte a questa gravissima vicenda i giornalisti di Askanews rinnovano la richiesta di incontro urgente al governo, già sollecitata più volte anche nella lettera aperta inviata in occasione dello sciopero e che i giornalisti rilanciano», conclude la nota.
Qui il documento approvato all’unanimità dai redattori di Askanews


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento