Nuove minacce a Berizzi. Alg: i cronisti minacciati non saranno mai soli


“Sia chiaro a tutti, Paolo Berizzi, giornalista di Repubblica, non sarà mai solo. Così come non saranno mai soli i giornalisti, i cronisti, i fotoreporter e i cineoperatori che raccontano i fatti e la cronaca delle nostre città, dei nostri territori, del nostro Paese. Le intimidazioni, da qualsiasi parte provengano, non hanno e non avranno effetto alcuno. L’informazione deve essere sempre libera a difesa del diritto delle persone di essere informate e, di conseguenza, di essere cittadini responsabili”.
Paolo Perucchini, presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, ribadisce così la solidarietà del sindacato dei giornalisti regionale e della categoria intera all’ennesimo atto intimidatorio che ha coinvolto il collega Berizzi, di nuovo nel mirino di una formazione neonazista del Varesotto, di cui il giornalista si è più volte occupato nelle sue inchieste.
Nella notte scorsa sul cavalcavia dello svincolo di Buguggiate è apparso uno striscione con la scritta: “Na$Italia: Paolo Berizzi camerata”.
“L’auspicio è che le autorità competenti possano individuare gli autori di questo ennesimo gesto intimidatorio preservando il lavoro dei cronisti e a salvaguardia del diritto all’informazione dei cittadini”.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento