Mondadori annuncia la cessione di TuStyle e Confidenze. La protesta dei giornalisti


Piena solidarietà ai colleghi di Mondadori da parte del sindacato dei giornalisti lombardi dopo l’annunciato progetto di cessione delle testate TuStyle e Confidenze. “Siamo al fianco dei giornalisti Mondadori dopo che l’azienda ha annunciato la volontà di cedere le due testate a European Network - dichiara il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini -. Essere editori significa investire in prodotti e in idee nuove per cogliere opportunità, sviluppi e mercati, puntando sempre sulla professionalità dei giornalisti. È invece un peccato, e fonte di forte preoccupazione per il sindacato, che il più importante gruppo di periodici italiano scelga la strada del disinvestimento e annunci la cessione di due testate. Anche perché solo pochi mesi fa il management aveva ipotizzato un consolidamento del proprio core business, con l’ipotesi di acquisizioni”.
Il sindacato dei giornalisti lombardi sarà al fianco dei colleghi di Mondadori nel percorso che li vedrà impegnati nei prossimi mesi. “Vigileremo affinché l’operazione, se mai avrà un futuro, veda protagonisti editori affidabili”.

Ecco di seguito la nota diramata dal CdR di Mondadori

ALLA MONDADORI, DELLA FAMIGLIA BERLUSCONI, CAMPAGNA VENDITA DEI GIORNALI. E I GIORNALISTI INSORGONO

Mentre realtà editoriali come Cairo Editore acquisiscono e risanano giornali, con importanti risultati sul mercato, la casa editrice della famiglia Berlusconi decide invece di cedere i propri a società che per dimensione ed esperienza non sono assolutamente comparabili.
È di ieri la notizia di una probabile cessione di due storiche testate Mondadori, Tu Style e Confidenze, a European Network, un piccolo editore che ha al suo attivo tra l’altro testate specializzate come Astrella, Sirio e Eva Tremila.
Il Comitato di Redazione e l’Assemblea dei Fiduciari della Arnoldo Mondadori Editore esprimono la più profonda amarezza e dichiarano la loro totale opposizione di fronte a questa decisione e denunciano la rottura del rapporto fiduciario con l’azienda. Azienda che solo poco tempo fa aveva dichiarato: «La Mondadori Periodici Italia non ha a oggi sul tavolo ipotesi di chiusure di testate né offerte di acquisizione da parte di terzi. La notizia della vendita di Tu Style è perciò infondata». E aggiungendo: «Se non interverranno situazioni diverse da quelle previste e prevedibili, Mondadori Periodici Italia manterrà lo stesso perimetro di attività. Non solo: con l’obiettivo di compensare la caduta dei ricavi, sono allo studio ipotesi di ulteriori acquisizioni».
Alla vigilia della chiusura del terzo stato di crisi, che è costato ai giornalisti pesanti tagli di organico e ingenti sacrifici economici, e nonostante nel 2017 la Divisione Periodici abbia conseguito un utile pari a 15 milioni di euro (il migliore degli ultimi anni), assistiamo a questo mesto spettacolo scandito dalla scarsa trasparenza nei rapporti e da un’assenza di qualsiasi politica di sostegno e rilancio delle testate.
Tu Style e Confidenze sono due realtà ben vive sul mercato editoriale, le cui criticità, inevitabili in un quadro economico come quello attuale, avrebbero ampi margini di rilancio, se soltanto l’Editore non avesse totalmente abdicato alla sua missione imprenditoriale. È un mistero, in effetti, come possa riuscire la piccola European Network laddove il primo editore italiano, con questa cessione, dimostra di avere fallito. È legittimo da parte dei giornalisti Mondadori, quindi, sospettare che non si tratti di una reale operazione d’impresa, ma di una pura e semplice «rottamazione» delle testate e dei professionisti coinvolti (26 dei quali giornalisti), come già accaduto in passato.
Di fronte a tutto ciò, il Comitato di Redazione e l’Assemblea dei Fiduciari della Arnoldo Mondadori Editore ritengono interrotto il rapporto di fiducia faticosamente costruito in questi anni di crisi e ritira la propria disponibilità a sacrifici ulteriori. È convocata quindi d’urgenza un’assemblea generale dei giornalisti di Mondadori al fine di decidere quali forme di lotta intraprendere per contrastare questa vendita e la deriva in cui la casa Editrice sembra voler trascinare i suoi lavoratori.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento