Nessun patto è ammissibile contro la libertà di stampa


“Nessun patto è ammissibile se, di mezzo, c’è il valore della libertà di stampa”. L’Associazione Lombarda dei Giornalisti, insieme al proprio Gruppo Cronisti, prende posizione sulla vicenda vissuta al tribunale di Brescia dove, nel corso del processo Shalom (presunti maltrattamenti ai danni degli ospiti della comunità di Palazzolo sull’Oglio), il presidente della prima sezione penale, Roberto Spanò, ha invitato i soli giornalisti - non la gente comune presente - a lasciare l’aula del tribunale perché “è stato fatto un patto con suor Rosalia (imputata nel processo insieme ad altri 41 soggetti) che per presentarsi in aula ha chiesto non ci fosse la presenza della stampa”.
“La libertà d’informazione deve essere uno dei comandamenti fondamentali di un Paese civile e democratico. Un comandamento che, invece, ieri è stato bellamente violato tra l’altro in un Tribunale dove la giustizia e l’uguaglianza dovrebbero essere sempre fari di verità” commentano il presidente del sindacato dei giornalisti lombardi Paolo Perucchini e il presidente del Gruppo Cronisti, Cesare Giuzzi. “La giustizia in Italia è e deve rimanere trasparente. I casi sono due: o il processo meritava il rispetto di un’udienza a porte chiuse oppure, se era ammesso anche un pubblico di persone curiose, a maggior ragione non poteva essere escluso chi in aula c’è andato per svolgere il proprio lavoro di cronista”.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento