Stampa sportiva, l’Ussi lancia l’allarme: «A rischio molte testate»


Il Consiglio nazionale del gruppo di specializzazione della Fnsi denuncia con grande preoccupazione gli ultimi attacchi all’occupazione: «Un chiaro segnale dell’aggravarsi della situazione nel settore», scrive in una nota.

Il Consiglio nazionale dell’Unione Stampa Sportiva Italiana (Ussi), riunito a Roma, denuncia con grande preoccupazione gli ultimi attacchi all’occupazione: «Un chiaro segnale dell’aggravarsi della situazione nel settore sportivo», scrive in una nota.
La chiusura del canale Fox Italia, quella di JTv sulla piattaforma Sky e le voci sulla imminente ristrutturazione di Mediaset Premium, che si aggiungono agli stati di crisi ancora aperti nella carta stampata, e alla annunciata cessazione di redazioni provinciali di alcune testate nazionali, «determineranno – spiega l’Ussi – una ulteriore emergenza, che colpirà colleghi contrattualizzati e freelance».
Per questo il gruppo di specializzazione del sindacato «chiede alla Fnsi una maggiore attenzione verso i problemi della stampa sportiva, negli ultimi anni pesantemente colpita, individuando altresì soluzioni alternative. A tal proposito suggerisce una battaglia più incisiva affinché in tutti gli uffici stampa del mondo dello sport (federazioni, leghe e società) operino colleghi assunti con il contratto giornalistico. L’Ussi è pronta a sostenere e a impegnarsi in prima persona in ogni iniziativa della Fnsi in tale direzione».
L’Unione Stampa Sportiva Italiana, conclude la nota, «invita inoltre i direttori di testate televisive e radiofoniche ad affidare l’informazione e le trasmissioni sportive alla professionalità di colleghi, ormai sempre più in minoranza rispetto ad altre figure esterne».


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento