Il presente e il futuro della professione giornalistica: i vertici degli enti di categoria dei giornalisti italiani si riuniscono a Milano


Il presente e il futuro della professione giornalistica“È stato un incontro cordiale e proficuo nel corso del quale abbiamo illustrato la situazione del settore giornalistico in una Lombardia che continua ad avere in Milano la capitale dell’editoria nazionale, nonostante la crisi e le difficoltà dovute alle trasformazioni tecnologiche. Siamo grati al Presidente Fontana di averci ricevuto e di avere abbozzato insieme a noi un percorso di collaborazione tra enti di categoria e istituzioni, condividendo con noi l’importanza della difesa e della promozione di un tessuto democratico che vede nel giornalismo e nella politica due protagonisti irrinunciabili e di fondamentale importanza”.
Il Presidente dell’Associazione Lombarda Giornalisti Paolo Perucchini ha così commentato l’incontro, avvenuto stamane a Palazzo Pirelli, a margine del convegno “Il presente e il futuro della professione giornalistica”, tra il Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e i vertici degli enti di categoria dei giornalisti italiani. Erano presenti, in particolare, oltre a Perucchini, il Presidente e il Segretario FNSI Giuseppe Giulietti e Raffaele Lorusso, il Presidente dell’Ordine nazionale Carlo Verna, la Presidente INPGI Marina Macelloni, il Presidente del Fondo Complementare Enrico Castelli, il Vice Presidente Casagit Gianfranco Giuliani, il Coordinatore degli enti di categoria Giovanni Negri.
Il ruolo della stampa e del giornalismo, le prospettive per l’occupazione nel settore, le competenze del sistema delle Regioni: sono stati questi alcuni dei temi affrontati. Il Presidente ha voluto ricordare quanto sia importante e decisivo il compito dell’informazione assicurato dagli uffici stampa della pubblica amministrazione, “per i quali - è stato ribadito da Segretario FNSI e Presidente ALG - occorre proseguire il percorso di individuazione di principi e contenuti della figura professionale attraverso un metodo condiviso tra Enti pubblici e di categoria. Il cammino è iniziato, ma abbiamo ancora tanta strada da fare, se vogliamo garantire nella PA una presenza giornalistica adeguata che tuteli il diritto del cittadino a essere informato e assicuri piena dignità al lavoro giornalistico”. Da parte del Presidente Giulietti è stato sottolineato il particolare significato di un incontro dove gli enti giornalistici si sono presentati insieme e uniti, “interlocutori corali di un mestiere che vuole continuare ad esistere sulla base di certezze di regole da ridefinire e che chiede alla politica azioni in questo senso, anche indirizzate a difendere e a creare lavoro”. Nel corso del dialogo si è anche accennato alla possibilità di un’iniziativa pubblica che potrebbe tenersi a Milano presso Regione Lombardia con al centro le possibili misure da adottare a sostegno della professione giornalistica e dell’attività editoriale. Potrà essere questa l’occasione per individuare interventi da realizzare tenendo conto dell’allargamento del perimetro dell’autonomia e della conseguente più ampia capacità di iniziativa legislativa delle Regioni.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento