A Brescia la magistratura indaga il giornalismo d’inchiesta


Il Giornale di BresciaA Brescia l’antiterrorismo (con i Ros) a caccia di chi spaccia notizie vere. È l’assurda scena che si è consumata di prima mattina quando il collega Andrea Cittadini, cronista di nera e giudiziaria del Giornale di Brescia e corrispondente dell’agenzia Ansa, si è visto bussare alla porta da alcuni operativi del Ros. Su ordinanza del Pm di Brescia, gli sono stati sequestrati telefono e tablet per copiarne il contenuto ed è stato in seguito accompagnato in caserma con l’accusa di “istigazione alla violazione del segreto d’ufficio”.
In pratica, come dire: “tu scrivi troppe notizie coperte dal segreto istruttorio”.
All’Associazione Lombarda dei Giornalisti e al Gruppo Cronisti Lombardi tutto ciò ricorda scenari di repressione della libertà di informazione degni di regimi totalitari o di repubblichette da Terzo Mondo. Sindacato dei giornalisti e gruppo cronisti esprimono la loro solidarietà al collega Andrea Cittadini, e con lui alla redazione del Giornale di Brescia e a tutti i giornalisti che operano sul territorio Bresciano.
“Da qualche tempo Brescia si è trasformata in territorio off-limits per i giornalisti d’inchiesta. Tutto ciò, curiosamente, proprio da quando sono partite alcune inchieste, penali e giornalistiche, che riguardano il mondo vicino a chi opera in Procura - dice il presidente dell’Alg Paolo Perucchini -. Sorprende, spaventa e offende il comportamento di chi utilizza il potere d’indagine per intimidire chi fa informazione. Un comportamento inaccettabile che non può passare sotto silenzio: colpire le fonti giornalistiche di chi fa inchieste e le pubblica è l’esempio concreto di come, chi esercita il potere d’indagine, si eriga a nuovo inquisitore. Cercare di bloccare le fonti delle notizie vuol dire colpire al cuore il diritto all’informazione che, va ricordato, è un principio democratico tutelato dalla Costituzione italiana. Ci auguriamo che i vertici della magistratura si attivino immediatamente per verificare se, quanto è accaduto a Brescia, sia coerente con lo stato di diritto che vige in Italia, e prenda immediati provvedimenti se si dovessero riscontrare comportamenti al di là degli ordinari compiti d’indagine”.

Di seguito riportiamo la notizia pubblicata sul sito Fnsi.it

Perquisito cronista del Giornale di Brescia, Fnsi Alg e Gruppo Cronisti Lombardi: «Inaccettabile»

Sindacato e Gruppo di specializzazione esprimono solidarietà al collega Andrea Cittadini e alla redazione del quotidiano. «Ci auguriamo che i vertici della magistratura si attivino per verificare se quanto accaduto sia coerente con lo stato di diritto che vige in Italia», dice il presidente dell’Assostampa Paolo Perucchini.

Un cronista di giudiziaria del Giornale di Brescia e collaboratore dell’Ansa, Andrea Cittadini, 33 anni, ha subito oggi una perquisizione di casa, auto e supporti informatici da parte dei carabinieri con il sequestro del cellulare e del tablet. È indagato per concorso in violazione di notizia coperta da segreto di indagine in relazione a due differenti inchieste: la scomparsa dell’imprenditore Mario Bozzoli, l’8 ottobre 2015, e quella di una giovane bresciana avvenuta nel febbraio 2017.
«A Brescia – è il commento di Federazione nazionale della Stampa italiana, Associazione Lombarda dei Giornalisti e Gruppo Cronisti Lombardi – l’antiterrorismo (con i Ros) va a caccia di chi spaccia notizie vere. È la scena assurda che si è consumata di prima mattina quando il collega Andrea Cittadini, cronista di nera e giudiziaria del Giornale di Brescia e corrispondente dell’agenzia Ansa, si è visto bussare alla porta da alcuni operativi del Ros. Su ordinanza del Pm di Brescia, gli sono stati sequestrati telefono e tablet per copiarne il contenuto ed è stato in seguito accompagnato in caserma con l’accusa di ‘istigazione a fuga di notizie’. In pratica, come dire: ‘Tu scrivi troppe notizie coperte dal segreto istruttorio’.
Alla Federazione nazionale della Stampa italiana, all’Associazione Lombarda dei Giornalisti e al Gruppo Cronisti Lombardi tutto ciò «ricorda scenari di repressione della libertà di informazione degni di regimi totalitari o di ‘repubblichette’ da Terzo Mondo», incalzano il sindacato dei giornalisti e il Gruppo Cronisti Lombardi, che esprimono solidarietà al collega Andrea Cittadini, e con lui alla redazione del Giornale di Brescia, e a tutti i giornalisti che operano sul territorio bresciano.
«Da qualche tempo Brescia si è trasformata in territorio off-limits per i giornalisti d’inchiesta. Tutto ciò, curiosamente, proprio da quando sono partite alcune inchieste, penali e giornalistiche, che riguardano il mondo vicino a chi opera in Procura – dice il presidente dell’Alg Paolo Perucchini –. Sorprende, spaventa e offende il comportamento di chi utilizza il potere d’indagine per intimidire chi fa informazione. Un comportamento inaccettabile che non può passare sotto silenzio: colpire le fonti giornalistiche di chi fa inchieste e le pubblica è l’esempio concreto di come chi esercita il potere d’indagine si eriga a nuovo inquisitore. Cercare di bloccare le fonti delle notizie vuol dire colpire al cuore il diritto all’informazione che, va ricordato, è un principio democratico tutelato dalla Costituzione italiana. Ci auguriamo che i vertici della magistratura si attivino immediatamente per verificare se quanto accaduto a Brescia sia coerente con lo stato di diritto che vige in Italia e prendano immediati provvedimenti se si dovessero riscontrare comportamenti al di là degli ordinari compiti d’indagine».


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento