Metro, il Cdr lancia l’allarme: «Ammortizzatori sociali in scadenza. Dall’editore richieste insostenibili»


A fine settembre scade l’attuale contratto di solidarietà e i giornalisti si ritroveranno a dover fronteggiare le pretese dell’azienda. «Una ricetta che, se attuata, non permetterà a questa nostra storica testata di continuare ad esercitare dignitosamente il proprio ruolo», avverte la redazione.

Il quotidiano Metro torna in distribuzione dopo la lunga sospensione estiva, «che ha comportato ferie forzate e solidarietà per la redazione», spiegano i redattori e il Comitato di redazione del free press.

«Nonostante questo – proseguono i giornalisti – il sito è stato costantemente aggiornato dal solo direttore, soprattutto in occasione della tragedia del ponte Morandi, senza mai coinvolgere la redazione in questo per altro doveroso lavoro. Nessun collega è stato richiamato, come sarebbe dovuto invece avvenire, più correttamente, dalle ferie o dalla solidarietà. Una mancanza di considerazione nella funzione stessa dei giornalisti di Metro che cade in un momento particolarmente grave: a fine settembre scade l’attuale contratto di solidarietà e i giornalisti si ritrovano a fronteggiare le durissime richieste dell’Editore, che prevedono, per la continuazione del ricorso agli ammortizzatori sociali, una drastica riduzione dell’organico».

Una ricetta che la redazione considera «insostenibile» e che , che, se attuata, «non permetterà a questa nostra storica testata di continuare ad esercitare dignitosamente il proprio ruolo», concludono i redattori e il Cdr.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento