Panorama: nella scommessa di Belpietro sono i giornalisti ad aver pagato il cip


Panorama: nella scommessa di Belpietro sono i giornalisti ad aver pagato il cip

È un peccato che un editore-direttore attento come Maurizio Belpietro parlando dell’operazione Panorama si dimentichi - anche solo con il minimo accenno - dei giornalisti coinvolti, del loro ruolo e delle loro qualità professionali. Nell’articolo della sua La Verità, Belpietro parla di Panorama esclusivamente come di una “bella scommessa”, di un “grande settimanale di informazione italiano”, “di uno strumento di questo genere” di cui voler “poter disporre”.
Chi parla di un’informazione “senza padroni né padrini” non può dimenticare l’importanza del ruolo di giornalisti liberi. Come i “suoi” (ora) giornalisti di Panorama “costretti” invece dai vecchi e dai nuovi “padroni” a scegliere tra il ricatto del: o accetti di tagliarti lo stipendio cambiando datore di lavoro o vai in disoccupazione perché chiudiamo la testata.
Così come dimentica di spiegare come una società nata dal nulla poco tempo fa e che - secondo quanto ha dichiarato il suo amministratore delegato ai tavoli sindacali - non ha indebitamenti (cioè non ha finanziamenti) con le banche, possa comprare un settimanale storico. “Non sappiamo quali intese siano veramente intercorse tra Mondadori e La Verità, ma sappiamo che nel nostro settore troppo spesso i grandi editori usano gli editori molto piccoli per liberarsi dei giornalisti e quelli molto piccoli a loro volta comprano lavoratori (magari in saldo) come mezzo di autofinanziamento” dichiara il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti Paolo Perucchini.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento