Alg: Riffeser rispetti le sentenze e reintegri il collega de Il Giorno


Alg: Riffeser rispetti le sentenze e reintegri il collega de Il GiornoCaro presidente della Federazione degli Editori, Andrea Monti Riffeser, le sentenze si devono rispettare, anche quando è un avvocato dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti a vincere contro un’azienda, in questo caso la sua. È questo il messaggio che l’Associazione Lombarda dei Giornalisti trasmette al presidente Fieg ed editore de Il Giorno.
La sua azienda aveva licenziato, con la motivazione della giusta causa, un giornalista dopo averlo fatto spiare, con appostamenti sotto casa, da un professionista del settore. E qui la prima violazione, a nostro avviso, di un principio da difendere a tutti i costi: non si deve fare pedinare un dipendente. A maggior ragione quando, come in questo caso, ad essere strettamente controllato mentre svolge la sua attività è un giornalista (come la mettiamo con la salvaguardia delle fonti?), con l’aggravante che il mandante degli appostamenti è addirittura il suo stesso editore.
In seguito a questi fatti, il giornalista è stato licenziato, con un provvedimento che il CDR ha definito subito sproporzionato rispetto a quanto contestato al collega.
Dopo avere impugnato il licenziamento, il giornalista, assistito dall’avvocato della ALG Andrea Ottolini, ha vinto in primo grado. Ottenendo dal giudice il reintegro al suo posto.
Ma l’azienda, che ha annunciato l’intenzione di fare appello, ha già fatto sapere che non intende consentire al collega di riprendere il lavoro.
“Dopo la prima violazione eccone un’altra: tutto questo è inaccettabile” afferma il presidente ALG, Paolo Perucchini. “Caro presidente Fieg, le sentenze si rispettano, anche quando si perde”.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento