Ripreso a Pavia il processo Rocchelli, FNSI e ALG in aula: «Giornalisti in condizioni logistiche difficili»


«È ripreso a Pavia il processo contro i presunti assassini di Andrea Rocchelli, il fotoreporter italiano assassinato in Ucraina mentre cercava di “illuminare” una sporca guerra condotta anche a colpi di mercenari e di milizie filofasciste. L’aula nella quale si svolge il processo si sta rivelando troppo piccola per accogliere le tante persone che vogliono seguire il dibattimento. I giornalisti si trovano in condizioni logistiche difficili e faticano ad assicurare il diritto di cronaca su una vicenda che ha delicati risvolti internazionali e riguarda l’assassinio di chi stava garantendo alla pubblica opinione il diritto ad essere informata. La Federazione nazionale della Stampa italiana e l’Associazione Lombarda dei Giornalisti, che si sono costituite parte civile, chiederanno al tribunale di valutare la possibilità di trasferire le prossime udienze in sedi più idonee e capaci di ospitare chi ha davvero a cuore la ricerca della verità e della giustizia. In occasione della prossima udienza sarà anche organizzata una iniziativa a Pavia alla quale parteciperà, insieme agli istituti della professione giornalistica, una delegazione composta dai cronisti italiani costretti a vivere sotto scorta per le minacce di mafiosi, corrotti, neonazisti e neofascisti». Lo affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della FNSI, e Paolo Perucchini, presidente ALG.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento