Futuro Casagit: ciò che è giusto sapere


Di seguito riportiamo la comunicazione che il presidente Casagit, Daniele Cerrato, ha inoltrato ai delegati Casagit facendo il punto sulla situazione presente e sulle prospettive future della Cassa autonoma sanitaria dei giornalisti.

Dove va la Casagit

Credo che un chiarimento, condiviso dall’Ufficio di Presidenza, su dove stia andando la Casagit e qual è il percorso fin qui fatto sia d’obbligo. La campagna elettorale per il Congresso Fnsi offre spunti ghiotti su quanto stiamo facendo da un anno e mezzo per dare un futuro alla Cassa di assistenza dei giornalisti italiani. Inevitabile che dibattito e cammino vengano tradotti anche in temi indirizzati alla Federazione.

Vediamo a che punto siamo.

La Casagit gode ancora di una salute relativamente buona ma non può considerarsi fuori dalle dinamiche che la nostra categoria sta subendo. Concretamente, e le stime attuariali ce lo confermano da tempo, se non riusciamo ad allargare il perimetro degli assistiti, non solo più attraverso consulenze e collaborazioni fin qui realizzate con Casagitservizi s.r.l., nei prossimi anni avremo una crisi profonda e forse anche irreversibile causata da uno sbilanciamento nel rapporto tra risorse e richieste. Le cause sono nella storia di questi ultimi anni: calo dei contrattualizzati e crescita dell’età media della popolazione di assistiti, vuol dire meno soldi a disposizione e più prestazioni da rimborsare. Per queste ragioni da tempo è maturata, non solo in Casagit ma anche a livello sindacale e nel Coordinamento degli Enti, la volontà di “aprire” la Cassa ad altre popolazioni produttive attraverso un nuovo assetto istituzionale. Il documento programmatico, sottoscritto da decine di colleghe e colleghi prima dell’ultimo rinnovo degli organi sociali, con le firme dei vertici dalla Fnsi, individuava questo obiettivo come prioritario della consiliatura in corso. L’Assemblea dei Delegati ha votato un preciso mandato al Cda: studiare e realizzare il futuro assetto dell’ente non mettendo a rischio la titolarità decisionale dei giornalisti e il patrimonio fin qui accumulato, oggi garanzia della nostra sopravvivenza.

I modelli presi in esame per il futuro della Casagit erano, in partenza, quattro: quello attuale, Associazione non riconosciuta, valutando ogni possibilità di allargamento, quello di un’Associazione di Associazioni, la Fondazione di partecipazione e la Società di Mutuo Soccorso. Il compito di analizzare le proposte, da un punto di vista tecnico, è stato affidato a una Commissione composta da Delegati, Fiduciari e Consiglieri d’amministrazione, che ha valutato in ogni riunione, insieme a Direzione generale e ufficio di Presidenza, gli stadi di avanzamento. Ci siamo avvalsi di studi legali di primo livello, qualificati in ambito societario, tributario, fiscale e associativo, arrivando, dopo mesi di lavoro, a individuare in due modelli di trasformazione quelli tra i quali scegliere: Fondazione di partecipazione e Società di Mutuo soccorso.

Il confronto su ogni specifico argomento e su ogni possibile evoluzione della Cassa, con ogni conseguenza, è durato dall’inizio del mandato a oggi. Un percorso impegnativo per le tantissime variabili tecnico giuridiche che, di volta in volta, emergevano dagli approfondimenti su singoli capitoli. Tutto questo insieme all’impegno quotidiano su ogni altro fronte, compresa la riforma delle contribuzioni per riaprire le “porte” a quanti, negli anni, avevano perso il treno Casagit e chiedevano di risalirci.

Il ballottaggio tra le due formule ha impegnato anche il dibattito tra i consiglieri; la Fnsi, che siede di diritto in Cda, ha prodotto un suo qualificato parere giuridico, tre settimane fa, che evidenziava limiti nel modello di Società di Mutuo Soccorso, quella che appariva come l’evoluzione più vicina alle nostre esigenze. Storia di questi giorni: un confronto tra legali su tesi differenti dovrebbe dare ulteriori elementi di certezza; noi siamo pronti e in attesa di una disponibilità da parte dei consulenti della Federazione. Poi evidentemente ci sarà la scelta politica che spetterà al Cda e all’Assemblea dei Delegati, ma dovrà essere una scelta anche tecnicamente e giuridicamente solida.

Tutto questo per chiarire che il cammino non può dirsi concluso, per giunta, in un momento politico caldo per la categoria: il Congresso del sindacato, con tutti i portati del caso. Se servivano serenità, analisi approfondite e persino un po’ di distacco per maturare una scelta consapevole quel momento non è di questi giorni. Solo agendo con attenzione, e facendolo tutti, riusciremo a evitare di fermare il processo o rallentarlo. Non ci serve molto in termini di tempo, ci serve molta maturità collettiva e responsabilità. Un nuovo Statuto non avrebbe potuto comunque essere portato all’Assemblea a dicembre e la necessità di prendere una decisione fugando ogni dubbio, resta un obiettivo prioritario.

Tra i dubbi sollevati dal parere legale Fnsi ci sono le evoluzioni del Terzo Settore, in gran parte ancora in divenire e considerazioni di sistema, come quella di un maggior peso della Federazione in Casagit che il segretario Lorusso, con una lettera, ha immediatamente dichiarato di non voler nemmeno prendere in considerazione. Detta tutta, quella parte dell’analisi forse non era nemmeno tra i compiti del professionista incaricato. Ciò detto si potrebbe decidere comunque? Forse sì, ma affrontando una votazione in un’Assemblea dei Delegati che non ha potuto maturare maggiori consapevolezze si finirebbe col decidere di “pancia”, guardando più alle vicinanze (o lontananze) da questa o quella sensibilità, corrente, amicizia o il suo esatto contrario.

In ballo c’è il futuro della Casagit, non solo una complessa stagione sindacale con i suoi legittimi confronti. Sarebbe giusto arrivare a una decisione con una maggioranza non solida? La nuova vita di una Cassa di Assistenza, con una storia di 44 anni di solidarietà ed efficienza alle spalle, merita la maggior compattezza possibile. Quando abbiamo, nel 2011, cambiato lo Statuto si è lavorato per due anni con una Commissione specifica, ben assistita legalmente, valutando ogni articolo e ogni ricaduta. L’Assemblea approvò il nuovo testo con sole 4 astensioni, dichiaratamente politiche (visto che uno degli astenuti aveva votato a favore del testo finale in Commissione).

Un’ultima considerazione: oggi ci serve dividere o unire? Sotto una pioggia di attacchi politici, e purtroppo non solo politici, possiamo essere divisi di un fronte, professionale, sindacale, previdenziale e assistenziale, senza pagare dazio? Credo che nella domanda ci sia già la risposta.

Resta il nostro impegno a decidere la trasformazione della Casagit entro giugno 2019.

Il resto, per chi ha davvero a cuore la nostra Cassa di Assistenza, è tema di altri dibattiti e altre tribune.

Daniele Cerrato

Presidente Casagit


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento