I 189 giorni di Laura, una storia di volontariato in Kosovo


La storia di Laura Scotti

La storia di Laura Scotti

Le strade del Kosovo conservano ancora oggi cartelli un po’ arrugginiti su cui campeggiano alberelli verdi. Indicavano luoghi sicuri in cui i bambini potevano giocare liberi, i Punti di animazione. Fuori c’erano ancora campi minati, case bruciate e famiglie distrutte dall’odio etnico e dalla guerra. Era il luglio 1999: terminato, almeno sulla carta, il conflitto con la Serbia, in Kosovo erano arrivati i volontari della ong Ai.Bi. - Amici dei Bambini per portare aiuti a orfani e famiglie. Tra loro c’era anche Laura Scotti, una giovane donna che in 189 giorni cambiò per sempre la sua vita e quella di molti kosovari. Nel 2000 il comune di Milano le assegnò l’Ambrogino d’oro come segno del suo impegno civile a favore delle popolazioni uscite dalla guerra.

Un incidente aereo nei cieli di Pristina spezzò il suo sogno di felicità, lei che aveva lasciato una carriera nella pubblicità per dedicarsi alla comunicazione e agli uffici stampa nel non profit: l’aereo noleggiato dal PAM - Programma alimentare mondiale su cui viaggiava insieme a altri operatori umanitari italiani e stranieri, si schiantò alle porte di Pristina sul monte Piceli, poco prima di atterrare. Esplose toccando il suolo, perché cadde su un’area minata.

Fu un duro colpo per la cooperazione italiana che in quegli anni aveva prodigato risorse e energie, soprattutto grazie agli interventi di molte organizzazioni non governative, animate da giovani che sullo slancio di solidarietà erano partiti per portare soccorsi nei campi profughi.

Il libro - “I 189 giorni di Laura. Da Milano al Kosovo, una storia esemplare di volontariato internazionale” (Ancora) - ripercorre la ‘’scelta di Laura” e il suo operato in Kosovo, grazie a un reportage che l’autrice, Francesca Mineo, ha steso on the road nell’ottobre 2008: a raccontare la volontaria milanese sono i bambini di allora, oggi quasi maggiorenni, le donne, gli uomini che dieci anni fa cominciarono con lei e con i cooperanti di AiBi a ricucire una realtà in frantumi. Nel paese balcanico Laura Scotti fa già parte di una memoria collettiva: è  ricordata come ”una di noi, una kosovara”. L’autrice, sulle orme lasciate dieci anni fa da lei e da molti cooperanti, ha ritrovato Laura nel ‘’suo” Kosovo.

Prossime presentazioni:

Seriate (Bg), 8 gennaio 2010 ,ore 20.45, libreria Spazio Terzo Mondo

Informazioni: Ancora Editrice

Gruppo su Facebook : I 189 giorni di Laura


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento