Alg: i tagli all’editoria affondano il giornalismo


libero

Da subito abbiamo manifestato la nostra contrarietà al taglio dei contributi pubblici all’editoria. Non perché con logica di “casta” vogliamo tutelare noi stessi, ma perché in gioco ci sono posti di lavoro, futuro di famiglie, pluralismo dell’informazione, libertà per questo Paese.
E lo abbiamo fatto a ragione. Perché quell’intervento porta in sé rischi fondamentali.
Oggi Libero, per voce del direttore Vittorio Feltri, nel suo editoriale ha annunciato una dozzina di licenziamenti di giornalisti nel momento in cui il taglio ai contributi per l’editoria sarà effettivo.
Libero, oggi: domani questa scelta potrebbe annunciarla un’altra delle testate in difficoltà (spesso del mondo della microeditoria sparsa sul territorio) che con quei soldi a sostegno del pluralismo informativo, trova un minimo aiuto per far quadrare i conti in un mercato difficilissimo.
Un errore, di sottovalutazione, il direttore Feltri lo commette: i giornalisti lasciati a casa non li sosterrà la cassa integrazione pagata dallo Stato. Li sosterrà la cassa integrazione pagata dall’ente di previdenza privata dei giornalisti (siamo l’unica professione a fare questo!) che quindi si troverà ancor più in difficoltà a fronte di una situazione che, ormai, l’ultimo decennio di crisi ha minato nella sua stabilità complessiva. A rischio non sono solo i posti di lavoro: questi tagli all’editoria rischiano di mettere in crisi anche il sistema del pagamento delle pensioni dei giornalisti.
Tra la soddisfazione del vicepremier Di Maio che al suo elenco degli obiettivi potrà aggiungere altre due voci:
1. Eliminazione dei giornali (nemici): Fatto
2. Eliminazione della “casta” dei giornalisti (i nemici): Fatto
No, caro governo. No, così non può andare. La libertà di informazione, la trasparenza, il pluralismo, il libero pensiero non si difendono in questo modo. Il lavoro e l’occupazione promessi col decreto dignità vengono traditi da interventi “punitivi” come quelli del taglio dei contributi dell’editoria.
Oggi siamo preoccupati per il futuro di Libero così come lo siamo per il destino di centinaia di testate minori. Il governo ripensi la sua strategia per l’editoria: pensi a una legge di settore che valorizzi il mondo dell’informazione, sostenga investimenti in un moderno modello editoriale, incentivi l’occupazione di qualità.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento