Metro: in presenza di ammortizzatori sociali inaccettabile il ricorso al lavoro esterno


Metro riparte, ma nella pausa natalizia ha vissuto sul Web grazie all’apporto di collaboratori esterni, che hanno di fatto sostituito i redattori, assenti perché è in vigore un accordo di solidarietà difensiva con contestuale piano di ferie obbligate. L’Associazione Lombarda dei Giornalisti è vicina ai colleghi della redazione di Metro nella protesta per il rispetto della dignità della redazione: prima di ricorrere apporti esterni è necessario abbassare la percentuale di ammortizzatori sociali, richiamando i redattori a lavorare.

Ecco il comunicato del CdR

Cari lettori, Metro torna oggi in distribuzione dopo una lunga pausa. Nel frattempo il sito del giornale è stato aggiornato costantemente, Natale e primo dell’anno compresi, dal direttore e da collaboratori esterni escludendo i redattori di Metro che erano forzatamente a casa per un accordo che prevede una pesante solidarietà al 50% e ferie forzate. Una prassi inaccettabile seguita dall’azienda e dalla direzione negli ultimi due anni che di fatto estromette la redazione dal suo legittimo lavoro violando i patti alla base dell’accordo sindacale con il quale ancora una volta la redazione si è fatta carico di pesanti sacrifici.
L’assemblea dei giornalisti di Metro


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento