Lettera43 licenzia un rappresentante sindacale con motivazioni pretestuose


Lettera43, il quotidiano online diretto da Paolo Madron e che fa capo a Matteo Arpe, ha consegnato una lettera di licenziamento a un giornalista membro del Comitato di redazione della testata. Per il sindacato le motivazioni del licenziamento sono manifestamente pretestuose: il collega è accusato di avere copiato in un suo pezzo alcune frasi tratte da siti online. Una motivazione contestata dal collega e che non giustifica in nessun modo un provvedimento così estremo, per il quale, peraltro, la società non ha nemmeno coinvolto l’ALG per la specificità del caso. Secondo l’Associazione Lombarda dei Giornalisti, invece, il licenziamento appare chiaramente legato alla battaglia sindacale fatta dal collega, insieme al resto del Cdr, per sanare le irregolarità da anni presenti in redazione e conquistare un contratto giornalistico regolare per tutti.
L’ALG è a fianco del giornalista licenziato e lo sosterrà in tutte le sedi in cui vorrà far valere le sue ragioni e i suoi diritti.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento