Nuove minacce a Paolo Berizzi. Alg: le Autorità agiscano per porre fine al fenomeno


il-cartello-contro-il-giornalista-paolo-berizzi“No, non è una carnevalata anche se può sembrarlo perché a Milano il rito ambrosiano sposta a sabato la festa di scherzi e maschere: il cartello appeso alla pensilina di un tram con il messaggio “Berizzi carogna! Okkio al kranio!” è l’ennesima palese minaccia degli ambienti di estrema destra al giornalista di Repubblica, Paolo Berizzi. Ora, la domanda è una sola: quando le Autorità cominceranno ad agire fermando chi minaccia apertamente e senza vergogna il cronista bergamasco?” A chiederlo è il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini, che, in questo modo esprime la solidarietà di tutta la categoria al collega che ormai da anni è oggetto di minacce da parte di gruppi che fanno riferimento all’estrema destra.

Berizzi da qualche settimana finalmente è sotto scorta, ma per il presidente ALG non si risolvono solo così queste situazioni: “La scorta è un’iniziativa tampone che priva della naturale libertà chi ne beneficia: è necessario invece che quanto prima si agisca per porre fine ai comportamenti di chi si sente forte a tal punto che, con atti arroganti e vandalici, lancia le sue minacce. Va difeso il diritto dei cittadini ad essere informati e chi con le sue inchieste racconta quanto accade nelle nostre città e nei nostri territori”


(Fonte Fnsi.it) Nuovi insulti al giornalista Paolo Berizzi, la solidarietà della Fnsi

Un cartello appeso alla pensilina di una fermata del tram, a Milano, firmato dal gruppo neofascista Militia con su scritto “Berizzi carogna! Okkio al kranio”. Questo l’ultimo attacco al cronista di Repubblica che con le sue inchieste ha denunciato il ritorno delle formazioni di estrema destra in Italia.

«Un cartello appeso alla pensilina di una fermata del tram, a Milano, firmato dal gruppo neofascista Militia con su scritto “Berizzi carogna! Okkio al kranio”. Questo l’ultimo episodio di insulti al giornalista di Repubblica che con le sue inchieste ha denunciato il ritorno delle formazioni di estrema destra in Italia. La Federazione nazionale della Stampa italiana è al fianco del collega Paolo Berizzi, da qualche settimana costretto a vivere sotto scorta a causa delle minacce ricevute per via del suo lavoro, e chiede alle autorità di tenere alta l’attenzione su un fenomeno, quello delle intimidazioni rivolte agli operatori dell’informazione da estremisti neofascisti e neonazisti, che desta sempre più preoccupazione». Lo affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Fnsi.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento