Cremona: sputi, insulti e minacce a giornalista. Alg e Fnsi: “Reprimere il clima d’odio verso chi fa informazione”


Cremona: sputi, insulti e minacce a giornalistaSputi, insulti e minacce: di persona prima, e poi con una campagna d’odio sui social. Questa volta protagonista è la piazza di Cremona: sotto tiro è finita la giornalista del quotidiano La Provincia, Francesca Morandi, impegnata nel racconto della cronaca del territorio e del processo a un esponente del centro sociale Kavarna. “È l’ennesima preoccupante dimostrazione del clima crescente di odio nei confronti dell’informazione” denuncia il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini, insieme ai vertici della Federazione nazionale della stampa italiana - il segretario generale Raffaele Lorusso e il presidente Beppe Giulietti - e al presidente del Gruppo cronisti lombardi, Cesare Giuzzi. “Il sindacato dei giornalisti esprime la solidarietà di tutta la categoria a Francesca Morandi e ai colleghi della redazione de La Provincia. L’ALG è vicina oggi alla collega minacciata e lo sarà anche in futuro mettendosi a disposizione per assisterla in ogni sede”.
Per il sindacato, ora, è tempo di intervenire direttamente su chi ha messo in atto questi insulti e queste minacce. “Le responsabilità sono chiare e palesi - dice il presidente Perucchini -: ci attendiamo quindi l’intervento delle autorità competenti per reprimere i comportamenti illegali emersi in queste ore. Lasciare impuniti fatti che colpiscono chi fa libero giornalismo significa mettere in discussione il diritto dei cittadini di essere informati e, di conseguenza, minare alle basi il concetto di democrazia del nostro Paese”.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento