Ancora insulti via social a Paolo Berizzi, la solidarietà di Fnsi e Alg


«Autorità e forze dell’ordine individuino e sanzionino quanto prima gli squadristi da tastiera che minacciano il collega e gli consentano di svolgere in serenità e sicurezza il suo dovere», affermano il segretario generale Raffaele Lorusso e il presidente Giuseppe Giulietti.

«Non passa giorno, o quasi, senza che dalla piazza virtuale del social network arrivino attacchi, insulti e minacce (reali) ai giornalisti scomodi, ‘colpevoli’ di svolgere il loro lavoro al servizio del diritto dei cittadini ad essere informati. Ancora una volta a finire del mirino dei facinorosi del web è il collega Paolo Berizzi, ‘manganellato’ – come denuncia lui stesso dalle pagine di Repubblica – per i due ultimi pezzi sul ‘29 aprile’ dei camerati a Milano. La Fnsi si schiera al fianco di Berizzi, costretto a vivere sotto scorta per via delle sue inchieste sulla ricostituzione di gruppi neonazisti e neofascisti in Italia. Auspichiamo che autorità e forze dell’ordine individuino e sanzionino quanto prima gli squadristi da tastiera che lo minacciano e gli consentano di svolgere in serenità e sicurezza il suo dovere». Lo affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento