L’Alg al corteo del 1° maggio di Milano


“Lavoro, diritti, stato sociale e libertà dell’informazione valori irrinunciabili per un’Europa dei cittadini”

Anche l’Associazione Lombarda dei Giornalisti, insieme al Gruppo Cronisti Lombardi, sfilerà il 1° maggio a Milano.

L’appuntamento è alle ore 9.00 in Corso Venezia-Giardini di Villa Palestro, per partecipare al corteo organizzato da Cgil-Cisl-Uil Lombardia, che si snoderà lungo le vie del centro di Milano fino a piazza della Scala.

I giornalisti lombardi hanno aderito alla manifestazione che quest’anno ha come argomenti centrali il tema del lavoro, dei diritti, dello stato sociale e dell’Europa. “Temi ampiamente condivisi dalla categoria dei giornalisti a cui, nella nostra specificità, aggiungiamo anche il tema della libertà d’informazione, valori per noi irrinunciabili per costruire davvero un’Europa dei cittadini” afferma il presidente del sindacato dei giornalisti Paolo Perucchini. “Dopo la partecipazione lo scorso anno alla manifestazione del 1° maggio provinciale, quest’anno saremo ufficialmente presenti alla manifestazione regionale”.

Il lavoro è il tema più caldo per il mondo dell’editoria: negli ultimi 5 anni il settore dell’informazione ha perso oltre 3 mila posti giornalistici contrattualizzati in Italia, vale a dire più del 15% dell’occupazione dipendente. “È la più alta perdita percentuale rispetto a qualsiasi settore industriale”, ricorda il presidente ALG.

Ma alla perdita dei posti di lavoro dipendenti, si accompagnano altri due fenomeni che cadono anche nei temi dei diritti e dello stato sociale: “Con la crisi cresce il precariato, ma non solo, si riducono anche le occasioni di collaborazione per chi fa il giornalista fuori dalle redazioni, e si accentua la politica dello sfruttamento di chi, freelance, si trova retribuito anche solo pochi euro al pezzo, magari con pagamenti ritardati di mesi se non di anni”.

Il secondo fenomeno della crisi del sistema dell’informazione è l’uso persistente di ammortizzatori sociali: “Per non perdere posti di lavoro, i giornalisti subiscono l’impatto negativo di cassa integrazione e solidarietà, ammortizzatori tutti a carico del Welfare di categoria, che non comportano aggravio sui conti pubblici del Paese” spiega il presidente ALG. “Una situazione, questa, che sta mettendo in crisi le stesse prospettive dello stato sociale di categoria”.

Se tutto questo non bastasse, il mondo del giornalismo è oggi sotto attacco dalla politica e dalle lobby di potere: “Assistiamo al taglio dei pochi, residui finanziamenti al pluralismo. Leggiamo di ipotesi di interventi di riorganizzazione a favore di modelli di comunicazione gestiti da chi professionalmente non è tenuto a verificare i contenuti secondo le regole della deontologia. Registriamo l’indisponibilità a valutare l’informazione come settore strategico del nostro Paese” conclude il presidente ALG Perucchini. “Situazioni queste che mettono a repentaglio il principio della libertà d’informazione, che, di fatto, si traduce in un indebolimento netto dei valori democratici della nostra società”. Anche per questo, il 1° maggio i giornalisti lombardi parteciperanno al corteo dei lavoratori lombardi a Milano.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento