Visto e Novella 2000: licenziamenti irregolari. La Corte d’Appello obbliga Santanchè a riassumere i giornalisti


Visto e Novella 2000: licenziamenti irregolariTorna a vincere il lavoro nelle aule di Tribunale. Daniela Santanchè dovrà reintegrare i tre giornalisti che avevano impugnato il licenziamento dopo la “cessione”, nell’ottobre 2017, delle testate Visto e Novella 2000, che però hanno continuato a uscire regolarmente grazie a service esterni “low cost”.

Lo hanno stabilito i giudici della Corte d’Appello di Milano, confermando in sostanza la sentenza di primo grado, che già imponeva a Visibilia, il gruppo che fa capo alla Santanchè, di reintegrare i giornalisti. In pratica, secondo i giudici, la cessione da Visibilia srl (che editava Visto e Novella 2000) a Visibilia Spa (capogruppo) avvenuta nell’ottobre 2017 con conseguente licenziamento dei giornalisti che vi lavoravano è stata fittizia, cioè solo un pretesto per svuotare le redazioni e liberarsi di chi ci lavorava.

“Una sentenza importantissima - dichiara il presidente della ALG, Paolo Perucchini - che smaschera un’operazione già denunciata congiuntamente da Cdr e sindacato e che ora i giudici hanno stigmatizzato anche in Appello. Un monito a tutti gli editori che volessero aggirare le norme ricorrendo a giochi di scatole cinesi. Esprimiamo la nostra soddisfazione e la nostra vicinanza ai colleghi, che potranno essere finalmente risarciti”.

Di seguito, la ricostruzione che il sindacato ha fatto della vicenda.

Annullato anche in Appello l’illecito licenziamento dei giornalisti di Visto: il rapporto di lavoro dipendente con Visibilia Spa è in essere fino dall’ottobre 2017. Lo hanno stabilito i tre giudici togati della sezione Lavoro del Tribunale di Milano che hanno dato ragione, come già accaduto in primo grado e nel successivo ricorso, ai due caporedattori e al caposervizio che si sono opposti al provvedimento coercitivo dell’azienda che fa capo a Daniela Santanchè.
La parlamentare di Fratelli d’Italia nel gennaio 2016 ha rilevato, tramite Visibilia Magazine srl, Visto e Novella 2000 da Prs Magazine con l’impegno di rilanciarle; in realtà, come hanno ben ricostruito sia il giudice di primo grado sia i colleghi della Corte d’Appello, l’intento era quello di svuotare le due redazioni, alleggerire i costi del personale e realizzare le due storiche testate ex Rcs Media Group (rilevate da Prs nel 2013 con una cessione di ramo d’azienda, oggetto anche questa di una vertenza giudiziaria ora giunta in Cassazione) attraverso l’esclusivo ricorso a service esterni.
Il disegno così congegnato ha visto, dopo solo 6 mesi, l’avvio della cassa integrazione per 15 dipendenti, con una riduzione dello stipendio fino al 47%, sfociato, dopo un anno di ammortizzatori sociali, in licenziamento mentre ancora vigeva la cassa integrazione e non prima, tra l’altro, di un periodo di ferie forzate.
Prova dell’intento fraudolento, dicono i giudici, è il fatto che, nonostante Visibilia srl avesse dichiarato la messa in liquidazione della società, in realtà non ha mai smesso di pubblicare Visto e Novella 2000. Anzi: alla fine del 2017 la srl ha ceduto le testate a Visibilia Spa, società quotata in Borsa (edita Ciak, Pc Professionale, Ville e giardini) che di fatto da allora è diventata l’editore di riferimento. E a nulla è valso il tentativo di mascherare la chiusura di Visto annunciando lo scorso anno la fine delle pubblicazioni: la testata infatti è risorta, senza mai saltare un’uscita in edicola, con la sola aggiunta dei programmi televisivi (tanto che il settimanale ha preso il nome di Visto+Tv). In realtà, nell’impaginazione e nel tipo di contenuti è rimasta identica.
Il gioco delle scatole cinesi della Santanchè non è affatto piaciuto ai giudici di Milano, tanto che, proprio per fugare ogni dubbio e smascherare definitivamente il suo piano, con la sentenza del 30 aprile hanno ordinato il proseguimento del rapporto di lavoro senza soluzione di continuità per i tre giornalisti fin dal 2017 direttamente in capo a Visibilia Spa, e non a Visibilia Magazine srl, essendo le due società facenti parte di un unico gruppo, con personale, locali e fornitori in comune, e chiaramente nata solo come veicolo per licenziare più facilmente i giornalisti. Ma ora il trucco è stato svelato.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento