Sole 24 Ore, i Cdr all’assemblea: «I risultati migliorano ma il gruppo è ancora malato»


«Dopo anni in cui l’azione manageriale si è concentrata quasi esclusivamente sul taglio dei costi, con pesanti sacrifici chiesti a tutte le redazioni (e accettati dai giornalisti con grande senso di responsabilità), non è ormai più rinviabile un cambio di passo», incalzano i rappresentanti sindacali.

I risultati del Sole 24 Ore migliorano ma il gruppo resta malato. A dirlo, parlando in assemblea, sono stati i rappresentanti dei Comitati di redazione del quotidiano e dell’agenzia Radiocor Plus. «L’amministratore delegato ha parlato dei buoni risultati del bilancio: sarebbe ingeneroso non riconoscere i risultati ricevuti, ma si tratta ancora di una perdita», ha sottolineato Barbara Bisazzi, del Cdr del giornale. «Il Sole 24 Ore è ancora malato, la strada da fare è ancora molta. La marginalità è stata ottenuta solo attraverso una manovra imponente sui costi, con il rischio di iniziare a compromettere la qualità dei prodotti di punta», ha continuato.

Anche per Dario Pollice, del Cdr dell’agenzia di Radiocor Plus, bisogna prendere atto «con soddisfazione dei miglioramenti registrati nel conto economico della società, certificati dal bilancio che siamo chiamati ad approvare. Non possiamo tuttavia non rimarcare che la strada da fare, per quanto ci riguarda, è ancora molta».

«Dopo anni in cui l’azione manageriale si è concentrata quasi esclusivamente sul taglio dei costi, con pesanti sacrifici chiesti a tutte le redazioni (e accettati dai giornalisti con grande senso di responsabilità), non è ormai più rinviabile un cambio di passo sul fronte dei ricavi», ha aggiunto, invitando l’azienda «a procedere con sempre maggiore decisione la strada dell’integrazione multimediale del gruppo». (Agi – Milano, 30 aprile 2019)


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento