Cinque anni senza Andy Rocchelli, oltre 300 persone alla camminata in ricordo del fotoreporter


A Pavia, all’iniziativa organizzata dagli amici di Rocchelli e poi in tribunale per l’udienza del processo a Vitaly Markiv, anche una delegazione di Fnsi e Alg. Giulietti: «Chiediamo verità e giustizia non solo sugli esecutori dell’omicidio ma anche sui mandanti».

20196Più di trecento persone, tra le quali molti giovani, hanno partecipato questa mattina a Pavia alla camminata in ricordo di Andy Rocchelli, il 30enne fotografo pavese ucciso il 24 maggio di cinque anni fa nella regione del Donbass, in Ucraina, mentre stava effettuando un reportage sulle sofferenze della popolazione civile. L’iniziativa, dal titolo ‘Da barriere a ponti’, è stata promossa dagli amici di Andy.

Il corteo è partito dalla piazzetta di Pavia recentemente intitolata a Rocchelli, per muoversi poi verso il centro e dirigersi al Palazzo di Giustizia dove questa mattina è in corso una nuova udienza del processo a Vitaly Markiv, il 29enne italo-ucraino accusato dell’omicidio del fotoreporter pavese.

Alla camminata di questa mattina hanno partecipato anche la Fnsi e l’Associazione Lombarda dei Giornalisti, con i presidenti Giuseppe Giulietti e Paolo Perucchini. «Ringrazio i familiari di Andy Rocchelli, i cittadini pavesi e, in particolare, i tanti giovani che hanno partecipato. Abbiamo deciso di costituirci parte civile al processo in corso, dal quale ci attendiamo che emergano verità e giustizia non solo sugli esecutori dell’omicidio ma anche sui mandanti», ha commentato Giulietti.

Durante una pausa del processo, tornando sui fatti di Genova, dove il giornalista Stefano Origone è rimasto ferito in seguito a una carica della polizia a margine del comizio di CasaPound, il presidente della Fnsi ha commentato: «Quanto è successo ieri, con il giornalista di Repubblica preso a manganellate mentre stava facendo il suo lavoro, è un fatto grave e non tollerabile. Il cronista picchiato – ha aggiunto Giulietti – si era anche qualificato. Penso che, visto quanto accaduto, i vertici della polizia debbano adottare provvedimenti inevitabili e immediati. Se il collega riterrà opportuno far valere le sue ragioni in sede processuale, può essere certo che la Fnsi e l’Associazione dei giornalisti liguri saranno al suo fianco».

Un momento della camminata in ricordo di Andrea Rocchelli Un momento della camminata in ricordo di Andrea Rocchelli
Un momento della camminata in ricordo di Andrea Rocchelli Un momento della camminata in ricordo di Andrea Rocchelli
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento