Walter Tobagi, 39 anni dall’omicidio il suo pensiero resta un insegnamento


Walter TobagiTrentanove anni fa, il 28 maggio 1980, il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti e inviato speciale del Corriere della Sera, Walter Tobagi, veniva ucciso a Milano, sotto i colpi di pistola esplosi da un commando di terroristi.
Quattro proiettili, sparati alle spalle, a tradimento. Con colpo di grazia alla nuca.
L’omicidio avvenne in una mattina piovosa di primavera.
Con quel gesto si volle colpire un uomo che aveva fatto della libera informazione e del giornalismo d’inchiesta la sua missione.
Walter, da giornalista, diceva che “bisogna cercare di capire per poter spiegare”. E nel suo impegno sindacale ha sempre sposato la filosofia del “passo dopo passo”. Non ha mai voluto usare “le parole tonanti ma i comportamenti di ogni giorno” per modificare le situazioni dando un senso concreto al proprio impegno sociale.
Grandi insegnamenti, questi: possiamo dire oggi che in quel 28 maggio di trentanove anni fa, uccisero un uomo ma non le sue idee.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento