Caso Rocchelli e libertà d’informazione: giovedì conferenza stampa in Alg


Una trasmissione per la libertà di stampa

Delitto Rocchelli: quando la guerra tra esercito e milizie diventa guerra all’Informazione

Un attacco mortale al diritto di informare e di essere informati: è quello che succede nelle zone dove c’è un conflitto militare e civile. Ed è quello che tragicamente è successo al fotoreporter Andrea Andy Rocchelli nel 2014.
Adesso la sua storia e il suo omicidio vengono raccontati in un programma televisivo, L’ora di legalità, di cui è autore e conduttore Loris Mazzetti. Nella puntata che andrà in onda su Rai3 il prossimo 9 giugno si farà punto sull’effettiva libertà di informazione, in Italia e nel mondo, in particolare nei vari teatri di guerra.
È un tema cruciale per la professione e anche per la stessa civiltà democratica, per questo la puntata verrà presentata in anteprima assoluta giovedì 30 maggio, alle ore 12, presso l’Associazione Lombarda dei Giornalisti di Viale Monte Santo 7, a Milano.
Questo servizio televisivo sarà anche l’occasione per illuminare in particolare il caso di Andrea Andy Rocchelli, ucciso barbaramente da un mortaio in Ucraina il 24 maggio di cinque anni fa, assieme ad Andrej Mironov.
Ricordiamo a tutti, e in particolare ai colleghi cronisti, che proprio in questi giorni, dopo la requisitoria del Pubblico Ministero, sta volgendo a conclusione il processo in corso a Pavia, con la Fnsi e la Lombarda costituite in parti civili.
Alla conferenza stampa saranno presenti, oltre a Loris Mazzetti, il presidente della Fnsi Beppe Giulietti, il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti Paolo Perucchini, il segretario aggiunto Fnsi Anna del Freo, la madre di Andy Rocchelli, prof.ssa Elisa Signori Rocchelli, gli avvocati di parte civile Alessandra Ballerini e Giuliano Pisapia.
 


L’ORA DI LEGALITÀ - LIBERTÀ DI STAMPA

Il programma televisivo L’ora di legalità di Loris Mazzetti, prodotto da Rai3 con la collaborazione della Sede Rai per l’Emilia-Romagna e il Centro di produzione Tv di Milano, ha già affrontato i temi di Antifascismo, Anticorruzione, Antimafia e Accoglienza.

Dedica interamente la sua ultima puntata alla Libertà di Stampa.
Quando in un Paese si ritiene che sia importante parlare di legalità affrontando il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero e quando vi è l’esigenza di sottolineare che la stampa deve essere libera e non soggetta a censure, probabilmente l’Art. 21 della Costituzione vive un momento di profonda crisi.

È realmente così? Mazzetti ne parla con Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, artista da sempre impegnato nella difesa degli ultimi e autore del film “La mafia uccide solo d’estate”, considerato uno dei più importanti messaggi contro la mafia degli ultimi anni. Lo scrittore Erri De Luca parlerà del giornalismo televisivo ricordando quello di Enzo Biagi sempre dalla parte del telespettatore. Le “Parole della Legalità” che introducono la puntata sono affidate agli studenti del corso di “Mafie e antimafia” della professoressa Stefania Pellegrini dell’Università di Bologna. Nel loro dialogo si ricordano i tanti, troppi giornalisti che per le loro inchieste hanno dovuto fare i conti con la barbarie mafiosa. Come tanti sono gli operatori dell’informazione che in zone di guerra hanno perso la vita nel tentativo di raccontare le ragioni dei conflitti e dare voce alle popolazioni vessate. Il più delle volte questi giornalisti rischiano di essere uccisi due volte: la prima dalle bombe e dai mortai, la seconda dall’indifferenza e dalla mancanza di memoria - come purtroppo è successo ai colleghi Enzo Baldoni in Iraq nel 2004 e a Raffaele Ciriello nel 2002 a Ramallah. Mazzetti ricorda con Lucia, Elisa e Rino - sorella, mamma e padre di Andrea Andy Rocchelli - il fotoreporter ucciso in Ucraina il 24 maggio 2014, assieme al giornalista russo attivista per i diritti umani Andrej Mironov. Stavano documentando le sofferenze della popolazione civile stretta nella morsa del conflitto tra separatisti filorussi ed esercito ucraino. Oltre 10 mila i morti secondo l’Onu. Le foto di Rocchelli sono state pubblicate su testate nazionali e internazionali. Nel luglio 2017 le indagini hanno portato all’arresto di Vitaly Markiv un cittadino italiano di nazionalità ucraina, un cecchino della Guardia nazionale di Kiev attualmente sotto processo a Pavia per l’omicidio di Rocchelli, mentre la Federazione Nazionale della Stampa Italiana e l’Associazione Lombarda dei Giornalisti si sono costituite parte civile nel processo.
La famiglia, attraverso L’ora di Legalità, chiede giustizia e verità.

La sigla di testa è la canzone di Saverio Grandi, Francesco Guccini, Gaetano Curreri “Per la bandiera”, cantata dagli Stadio e scritta nel 1992 dopo la strage di Capaci per tutti gli uomini delle scorte caduti per mano della mafia, in particolare per Antonio Montinaro, caposcorta di Giovanni Falcone. La sigla di coda è “Do it now”, a difesa dell’ambiente, dedicata a Greta Thunberg.

La puntata andrà in onda su Rai3 domenica 9 giugno alle ore 23,50. Una replica sarà effettuata, sempre su Rai3, sabato 29 giugno alle ore 13.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento