Intimidazioni a Federico Gervasoni, il sindacato: «Non lasciamolo solo»


Gervasoni con Giulietti

Cinque naziskin con Daspo, fogli di via e diversi precedenti per episodi di violenza e aggressioni. Quattro neofascisti legati a CasaPound, Forza Nuova e Avanguardia Nazionale. Anche un soggetto interessato da un foglio di via da Brescia della durata di tre anni per rissa aggravata. Hanno manifestato l’intenzione di essere tra il pubblico che il giornalista Federico Gervasoni, più volte insultato e minacciato, anche di morte, per il suo lavoro di inchiesta sui gruppi neofascisti bresciani, si troverà di fronte lunedì 10 giugno, nell’auditorium del Giornale di Brescia, alla presentazione del suo libro ‘Il cuore nero della città’.
Gervasoni, che ha avvertito la Digos della situazione di pericolo che potrebbe venire a crearsi all’incontro, chiama a raccolta i colleghi: «Sarebbe bello che venissimo davvero tutti noi giornalisti per una concreta scorta mediatica. Sarebbe bello poter dare una massiccia risposta a chi ogni giorno sui social auspica la mia morte», è l’appello.
Il sindacato dei giornalisti è al suo fianco, c’è e ci sarà anche lunedì 10 giugno alla presentazione del libro. Il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini, ha già confermato la sua presenza. E il presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana, Giuseppe Giulietti, che ha più volte incontrato il collega, chiede «a tutti i giornalisti che hanno a cuore la libertà di informazione e l’articolo 21 della Costituzione di riprendere e rilanciare le sue inchieste».


Intimidazioni a Federico Gervasoni, Fratoianni annuncia un’interrogazione parlamentare

«Si chiama Federico Gervasoni, è un giovane giornalista collaboratore del Giornale di Brescia e de La Stampa, autore di inchieste giornalistiche sul ritorno di organizzazioni neofasciste in Italia, sciolte già in passato, e dei fenomeni di aggregazione neonazista nella città lombarda. Per il suo lavoro è stato minacciato più volte. Da quelle inchieste è scaturito un libro che viene presentato in queste settimane. È inaccettabile che ora minacce ed intimidazioni si rivolgano a questi momenti: lunedì prossimo a Brescia alla presentazione del libro è annunciata la presenza di naziskin con daspo sulle spalle e di altri simpatici personaggi con precedenti per atti di violenza ed aggressioni. Tanto che la stessa Fnsi ha preso una posizione molto dura di condanna per la vicenda, e di solidarietà con il collega». Lo afferma Nicola Fratoianni, di Sinistra Italiana.
«Non è possibile – prosegue – accettare in un Paese civile e democratico una situazione di questo genere. I giornalisti che fanno il proprio mestiere devono essere tutelati fino in fondo, non vi deve essere impunità per questi gruppetti di violenti che non devono permettersi di minacciare nessuno. Ci auguriamo che in queste ore il prefetto e il questore di Brescia stiano prendendo tutte le misure preventive necessarie».
«Noi presenteremo nelle prossime ore – conclude Fratoianni – un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Interno affinché situazioni di questo genere non si abbiano a ripetere, e perché la presentazione di questo libro come di qualunque opera relativa ad inchieste sui neofascisti non siano più disturbate o minacciate dai nipotini del Ventennio». (Agi – Roma, 7 giugno 2019)


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento