Ci ha lasciato Piero Scaramucci. Il cordoglio di Fnsi e Alg


Ciao Piero

È morto a 82 anni Piero Scaramucci, sabato alle 10.30 lo saluteremo al cimitero di Lambrate.
Piero è stato un giornalista a tutto tondo, un professionista della verità e del racconto del reale come strumento civile. Uomo schierato, coerente, mai prevenuto. Convinto che un rigoroso giornalismo sia necessario per chi voglia sostenere un sistema ideale, quello dei principi costituzionali democratici e antifascisti nati dalla resistenza. Ha raccontato nelle sue vite professionali, nelle testate Rai e nella sua Radio Popolare, l’Italia e il mondo. Mattei, Cavallero, la strategia della tensione, le lotte operaie e la Cambogia, la detenzione e la morte di Pinelli e la guerra del golfo, il G8 di Genova e le tensioni ideali.

L’attenzione alle idee e agli ideali, dall’impegno lunghissimo negli organismi del sindacato dei giornalisti spesso incarnato nelle riscritture degli Statuti che nelle sue mani diventavano più democratici all’impegno nell’Anpi è stata una sua cifra costante che affiancava il suo indiscutibile ruolo di maestro di giornalismo.

I ricordi evocati in questi giorni spaziano da quel ‘61 in cui entrò a lavorare in Rai al 10 agosto scorso, quando partecipò alla commemorazione dei martiri antifascisti di piazzale Loreto. A gennaio era con noi al Congresso della Fnsi, convinto della necessità di includere e rappresentare tanti nuovi proletari dell’informazione, ad aprile quando gli impedirono di parlare alle celebrazioni della Liberazione nella piazza di Pavia un po’ ci rise sopra, era solo l’ennesima censura, e un po’ divenne ancora più visibile e ascoltato di quanto il pensiero reazionario temeva potesse essere salendo su quel palco. Perchè Piero non lo ferma nessuno.

Guido Besana


Il cordoglio di Fnsi e Alg

Il giornalista Piero Scaramucci (Foto: Anpi provinciale di Milano)Ci ha lasciato Piero Scaramucci, fondatore di Radio Popolare, protagonista del Gruppo di Fiesole, per anni inviato Rai, autore di inchieste sulle stragi di Stato, anti-fascista sempre in prima linea contro censura e bavagli, in difesa della Costituzione.
Sino alla fine impegnato nel sindacato, aveva partecipato anche all’ultimo Congresso nazionale della Stampa italiana come delegato della Lombardia eletto nelle liste di Nuova Informazione, che aveva contribuito a fondare, e anche in quella occasione aveva portato il suo spirito libero, critico, ironico, che ha segnato la sua vita professionale, sindacale e privata.
La Federazione nazionale della Stampa italiana e l’Associazione Lombarda dei Giornalisti si stringono attorno ai familiari in un affettuoso abbraccio.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento