Libero titola sul Papa: botta e risposta Ordine-Cdr


Botta e risposta tra Ordine dei giornalisti e Cdr di Libero per il titolo di apertura del quotidiano di Milano sul Papa.

Il presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna, ha aperto il confronto commentando così: “Perdona loro perché non sanno quello che dicono. Di fronte alla mancanza di un minimo senso di rispetto del quotidiano Libero nei confronti di Papa Francesco e sulla base del titolo del giornale di cui è direttore responsabile Pietro Senaldi e direttore editoriale Vittorio Feltri (’Non ha di meglio da fare, adesso il Papa prega per il governo’) non posso far altro che chiedere scusa al Pontefice a nome della categoria. Aggiungendo, parafrasando dalle scritture: ‘noi non li conosciamo’. A prescindere da qualunque Consiglio di Disciplina abbiamo il diritto di ritenerli estranei alla comunità dei giornalisti. Aggiungo solo che da sempre la Chiesa prega per i governanti”.

Di riflesso, più tardi, ha preso posizione il Comitato di redazione di Libero: “Non ricordiamo se l’Ordine dei Giornalisti avesse preso provvedimenti nei confronti del “manifesto” quando titolò con “Pastore tedesco” la prima pagina dell’edizione in cui dava notizia dell’elezione di Papa Benedetto XVI al soglio pontificio. Né tantomeno siamo in grado di ricostruire se all’epoca Carlo Verna si fosse indignato al punto da trasformarsi in hater di giornalisti, purché non appartenenti alle correnti di sinistra che lo hanno votato”. La rappresentanza sindacale dei giornalisti del quotidiano milanese ricorda poi a Verna che “la tolleranza a senso unico proprio non coincide con le parole pronunciate da Papa Francesco durante l’omelia a Santa Marta ieri 16 settembre 2019: ‘si deve pregare per l’altro, per quello che ha un’opinione diversa dalla mia’”. Speriamo, conclude il CdR di “Libero”, “che l’OdG non intenda darsi alla caccia alle streghe con il pretesto di punire il vilipendio alla religione cattolica attraverso l’offesa al Papa. Anche perché nell’articolo e nel titolo finiti sotto la lente del Sant’Uffizio dei Giornalisti non ve n’era traccia”.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento