Se la vita si rianima, storie tra bioetica e speranza


se la vita si rianima Cosa significa ‘rianimazione’? Nel comune sentire, spiegano gli autori di questo libro, Giuseppe Baiocchi e Patrizia Fumagalli, “una porta di vetro opaco che trasmette il brivido dell’ansia e dell’ignoto”. Meno frequentemente si riflette sull’intorno, sulle “guarigioni impensate” ma anche sulle persone che ogni giorno alleviano “la sofferenza della vita in declinare” o accompagnano verso la morte. “Se la vita si rianima. Cronache di bioetica e speranza dall’ospedale di Eluana” (ed. Ares)  è un racconto dei casi emblematici di battaglia per la vita dove spiccano, tra declini dignitosi e guarigioni sorprendenti, l’unicità della persona umana. Un giornalista, Baiocchi, e un medico, Fumagalli, responsabile delle nutrizione al dipartimento di Neuroscienze dell’Ospedale di Lecco, pongono ancora una volta interrogativi profondi, che vanno al di là di appartenenze o schieramenti di sorta: dopo il caso di Eluana Englaro, che proprio nella struttura sanitaria di Lecco fu accudita,  gli autori ci ricordano che ogni giorno tante famiglie e tanti medici dei reparti di neurorianimazione si trovano di fronte a un bivio.

Attraverso le storie coraggiose di Valentino, Lucia, Federico, Lorenzo, gli autori ci accompagnano nei misteri del cervello, nel potere immateriale della forza degli affetti, in luoghi dove la vita, con l’aiuto delle conquiste della medicina, può trovare slancio e rianimarsi.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento