Lettera43 e LetteraDonna: 3 giorni di sciopero dopo richiesta di cassa integrazione a zero ore per oltre la metà dei giornalisti


Otto giornalisti in cassa integrazione a zero ore su 14 totali, anzi 13 visto che un collega è dimissionario. Con questa decisione, comunicata ieri al CdR, News 3.0, che fa capo a Matteo Arpe e edita i siti online Lettera43 e LetteraDonna, diretti da Paolo Madron, si mette sotto le scarpe la dignità di lavoratori che si sono sempre distinti per sacrificio e impegno. Un annuncio cui la redazione ha risposto con la proclamazione di tre giorni di sciopero: domani (venerdì 10), lunedì 13 e martedì 14 gennaio.
“La sfrontatezza di questa azienda non conosce limiti. Chiederemo un incontro immediato per le opportune verifiche e ci attiveremo su tutti i fronti per riportare a norma la situazione di quelle redazioni” afferma l’Associazione Lombarda dei Giornalisti.
Lettera43 non è nuova a questi “colpi di testa”: nei mesi scorsi non solo ha provveduto a cessare proprie iniziative editoriali, ma ha avviato improvvisi e ingiustificati licenziamenti nonostante avesse concordato col sindacato interno percorsi di “emersione” occupazionale.
“Siamo al fianco dei giornalisti di Lettera43 e LetteraDonna, ai quali non solo esprimiamo solidarietà, ma ci impegneremo concretamente ad affiancarli in tutte le iniziative che vorranno prendere” dice il presidente ALG, Paolo Perucchini.

Il comunicato sindacale del Cdr di Lettera43.it e LetteraDonna.it

L’8 gennaio 2020 la società editoriale News3.0 ha presentato ai redattori un documento scritto sull’apertura della procedura di richiesta della Cassa integrazione guadagni straordinaria a zero ore per riorganizzazione aziendale. Un provvedimento pronto a colpire otto giornalisti sugli attuali 14 assunti, che con le dimissioni di un altro lavoratore ridurrebbero l’organico a sole cinque unità.
La redazione considera gravissime e sproporzionate le misure, che tra l’altro non sono stato oggetto di discussione o trattativa con l’azienda per cercare eventuali alternative possibili. In gioco, oltre al posto dei giornalisti, c’è anche la sopravvivenza delle testate Lettera43.it e LetteraDonna.it che dopo anni di lavoro vengono così di fatto smantellate o chiuse.
Le motivazioni addotte alla decisione di chiedere la Cigs, e cioè la necessità di sistemare i conti in un contesto di crisi generalizzata del settore dell’editoria, vengono usate come scuse per nascondere incapacità manageriali e per falcidiare in questa misura il corpo redazionale, che tra l’altro negli anni e tra diverse difficoltà, ripetute riduzioni di organico e licenziamenti improvvisi non ha mai fatto mancare il suo apporto e la sua professionalità, a ogni ora del giorno e della notte, in ogni giorno dell’anno e fuori dalle mansioni contrattuali.
Ora i redattori pagano sulla loro pelle le ripercussioni di vecchie esperienze fallimentari, come FreeJourn, Pagina99, Sextelling, ExpoNotizie e altri progetti abortiti negli anni che hanno portato allo sperpero di risorse e alla perdita di opportunità di investimenti, a cui si sono sommate le ultime scelte che si sono rivelate profondamente sbagliate, come la decisione di affidarsi a un inefficace restyling del sito e a un disastroso Content management system che ha impattato negativamente sulle prestazioni del quotidiano online, sul lavoro dei giornalisti e sui risultati in termini di traffico, mentre nessuno di chi ha preso le suddette decisioni ha subìto conseguenze.
La società nella sua comunicazione si è data l’obiettivo di recuperare con il nuovo assetto un «gap di competenze» identificando «personale con soft skill» legate all’«ambiente digitale», che però la redazione attuale possiede già, a differenza di quanto dimostrato dalla dirigenza negli anni.
La redazione, già in stato di agitazione da mesi dopo la richiesta mai soddisfatta di ottenere un piano editoriale, condanna la decisione presa dall’azienda, che nelle figure del direttore e dell’amministratore delegato non ha avuto neanche la decenza di comunicare direttamente ai redattori l’avvento della Cigs, e proclama sciopero per le giornate di venerdì 10 gennaio, lunedì 13 e martedì 14.


Lascia un commento