Tariffe postali, al via tavoli tecnici


A seguito della recente sospensione delle agevolazioni sulle tariffe postali attraverso un decreto ministeriale, la Federazione nazionale della Stampa ha diffuso un comunicato che qui pubblichiamo:

“L’estrema preoccupazione che vivono tutte le realtà del giornalismo italiano - grandi e piccole, nazionali e locali, quotidiane e periodiche, profit e non profit - è stata rappresentata a Palazzo Chigi dalla Fnsi nel corso dell’incontro convocato dal sottosegretario on. Gianni Letta sulla questione delle tariffe postali. Il sindacato ha rimarcato come, per la terza volta in pochissimi mesi, arrivi dal governo un colpo duro a danno di un settore già alle prese con una profonda crisi: prima l’attacco al diritto soggettivo, poi i tagli all’emittenza, ai giornali degli italiani all’estero e ai fogli dei consumatori, ora la cancellazione delle agevolazioni nelle spedizioni. Anche questa volta si mette il settore di fronte al fatto compiuto, introducendo novità improvvise e non concordate. Anche questa volta si colpisce in modo indiscriminato chi ha diritto e chi non lo ha, i soggetti editoriali veri e i furbi che sanno approfittare delle norme. La Fnsi riafferma l’esigenza del rigore e della pulizia, ma non è rigore quello che penalizza anche chi non ha colpe. Questo metodo, a giudizio del sindacato, non pone le premesse idonee agli Stati generali dell’editoria, appuntamento che pure continuiamo a ritenere di grande importanza. Ma non potremo accettare di partecipare se nel frattempo le mosse del ministro Tremonti avranno spento alcune voci, come purtroppo rischia drammaticamente di avvenire a causa del provvedimento sulle tariffe postali. Per questo il sindacato dei giornalisti chiede al governo che ogni sforzo sia fatto per evitare che sulle aziende editoriali si scarichino costi aggiuntivi fino al momento in cui sarà stato raggiunto tra le parti un accordo sulle nuove tariffe.”

Anche l’Inpgi ha approvato una mozione su questo tema: “Il Consiglio di Amministrazione dell’Inpgi - ha detto il presidente Andrea Camporese - esprime forte preoccupazione per l’impatto economico sul sistema editoriale italiano. Ritiene importante la convocazione di una tavolo specifico con le parti sociali Fnsi e Fieg presso la Presidenza del Consiglio, sottolinea il rischio di una ulteriore depressione di un sistema, quale quello dell’informazione, già fortemente provato da una dinamica che sta producendo decine di stati di crisi aziendali con conseguente perdita di centinaia di posti di lavoro, oltre ad una crescita rilevante dell’utilizzo degli ammortizzatori sociali.

Risulta quindi fondamentale mettere in campo tutti gli strumenti utili alla transizione e alla ridefinizione dei prodotti informativi, alla tenuta dei livelli occupazionali e previdenziali a tutela del bene superiore del pluralismo informativo”.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento