Intercettazioni: Fnsi, giornata del silenzio e sciopero generale


La Federazione nazionale della stampa, a seguito della  fiducia sul ddl intercettazioni con 164 sì e 25 no (il Pd non ha partecipato alla votazione) ha proclamato per  il 9 luglio la ”giornata del silenzio per la stampa italiana con lo sciopero generale contro il ddl intercettazioni”. Il segretario generale Fnsi, Franco Siddi ha dichiarato: ”Dovrà coincidere con la giornata finale di discussione del ddl Alfano, se cambierà il calendario dei lavori alla Camera, adegueremo la data”. Da venerdì 11 giugno in edicola giornali listati a lutto, manifestazioni davanti alle sedi istituzionali e una giornata di silenzio il 9 luglio.

Queste le iniziative che la Federazione Nazionale della Stampa metterà in campo ”per significare con immeditatezza l’allarme grave che si pone non per questo o quel cittadino di destra di sinistra, ma per il corretto svolgersi del circuito democratico” dopo il sì del Senato alla legge sulle intercettazioni. ”Abbiamo chiesto a editori e direttori - ha annunciato il segretario della FNSI, Franco Siddi, in piazza Navova dove durante la votazione al Senato si è tenuto un presidio contro la ”legge-bavaglio” - di predisporre un impianto comune per la prima pagina in cui si segnali il corpo mortale inferto alla libertà. Se gli editori non ci staranno pubblicheremo noi a pagamento un necrologio perché sia chiaro l’allarme”.

Tutti gli aggiornamenti sul sito Fnsi.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento