Comunicato sindacale del Cdr Sole 24 Ore. Prosegue la protesta per la cassa integrazione a zero ore di 3 giornalisti


comunicatosoleL’azienda ha imputato alla rappresentanza sindacale di essere ostacolo allo sviluppo, mentre prosegue la protesta per la cassa integrazione a zero ore di tre giornalisti.
In un comunicato pubblicato venerdì 2 aprile abbiamo raccontato solo alcune delle difficoltà con le quali la redazione del Sole 24 Ore si sta confrontando ogni giorno, tuttavia onorando l’impegno con i lettori per un’informazione puntale e competente.
L’azienda, in maniera del tutto irrituale nella forma e inaccettabile nei contenuti, ha replicato in calce, imputando alla rappresentanza sindacale di essere ostacolo allo sviluppo e sollevando anche possibili violazioni contrattuali nell’azione di protesta in corso per la collocazione in cassa integrazione a zero ore (per la prima volta nella storia del Sole 24 Ore) di tre colleghi.
Ricordiamo che il Comitato di redazione non conduce battaglie personali, ma è portavoce e rappresentante dell’assemblea dei giornalisti; assemblea che lo sostiene con forza, come dimostrano le mozioni approvate negli ultimi mesi sempre a larghissima maggioranza. Ricordiamo anche che in un’azienda editoriale, dove il capitale è soprattutto quello umano, distese relazioni sindacali rappresentano, queste sì, elemento necessario per una crescita sana, non costruita solo sul taglio dei costi.
L’azienda, da parte sua, per il futuro indica un’ideale ricetta fatta di “sviluppo dei ricavi e decisa riduzione di tutti i costi di funzionamento”. Per ora, nonostante annunci e promesse, abbiamo visto sempre e solo la seconda parte: in un momento storico nel quale le persone sono riconosciute ovunque come l’asset principale di qualsiasi azienda, ci chiediamo da quale taglio potrà arrivare lo sviluppo dei ricavi e quale esigenza di bilancio impedisca di avere rapporti corretti con la redazione.
Continueremo a impegnarci nella tutela dei colleghi, dei loro diritti, a difesa delle loro professionalità, sforzandoci di cogliere tutte le sfide dell’innovazione tecnologica e di prodotto che possono contribuire allo sviluppo dei ricavi. Ma il futuro non può prescindere dalla valorizzazione delle risorse umane e professionali dei giornalisti. Solo con un’organizzazione del lavoro adeguata si possono affrontare le sfide di quest’epoca.
Al Comitato di redazione e a tutti i giornalisti del Sole 24 Ore sono arrivate diverse manifestazioni di solidarietà e sostegno dal mondo sindacale.
In una nota, la Fnsi ha rimarcato che «il tentativo di far passare azioni sindacali legittime per violazioni del contratto nazionale di lavoro, messo in atto dall’azienda in un documento pubblicato sull’edizione odierna del quotidiano, è inaccettabile e va respinto». «Il diritto di intraprendere iniziative di protesta – incalza la Fnsi -, dallo stato di agitazione allo sciopero, e l’esercizio delle prerogative sindacali, peraltro con il sostegno del corpo redazionale, sono garantiti dalla Costituzione. A nessuno, tanto meno a Confindustria, può essere consentito di mettere in discussione tali diritti né di provare a far passare iniziative sindacali per violazioni contrattuali. Per questa ragione, il sindacato dei giornalisti, a tutti i livelli, continuerà a seguire da vicino quanto succede al Sole 24 Ore, assicurando pieno sostegno al Comitato di redazione».


Sole 24 Ore: Alg a fianco dei colleghi. È l’editore, non il Cdr, a eludere il contratto

L’Associazione Lombarda dei Giornalisti è al fianco del Comitato di redazione e dei colleghi del Sole 24 Ore, che sono in stato di agitazione da settimane per chiedere un’organizzazione del lavoro rispettosa della professionalità dei giornalisti, relazioni industriali corrette e il recupero dei tre colleghi del mensile IL, posti unilateralmente in Cassa integrazione a zero ore dall’azienda a inizio anno. La situazione si è aggravata nelle ultime ore con la violazione di prassi sindacali di lungo corso che garantivano l’autonomia e la professionalità dei giornalisti.
“Troviamo sconcertante la risposta dell’azienda in calce al comunicato sindacale apparso sull’edizione odierna del quotidiano - dice il presidente della Alg, Paolo Perucchini - dove il CdR, e con lui dunque tutta la redazione che lo spalleggia, viene accusato addirittura di fermare i progetti di sviluppo e contravvenire al contratto di lavoro. Alla prova dei fatti, è invece la medesima azienda a cercare di sottrarsi alle regole contrattuali, in quanto dalle stesse deriverebbe l’obbligo del recupero di colleghi in Cassa a fronte di un aumento di lavoro dovuto alle recenti uscite di altri giornalisti dalla redazione”.
La Alg si trovava al tavolo delle trattative per la chiusura del mensile IL quando l’azienda assicurava che a fronte di future uscite si sarebbe provveduto a far rientrare quegli stessi giornalisti. Ad oggi, diversi colleghi del Sole sono usciti volontariamente dall’organico e i giornalisti di IL, invece, sono ancora in Cassa a zero ore. “La solidarietà vera è arrivata dalla redazione, che ha donato parte delle sue ferie per assicurare almeno un mese di stipendio intero ai giornalisti di IL”, continua il presidente della ALG.
Ma al Sole di Confindustria invece di richiamare al lavoro chi il lavoro non ce l’ha più , si preferisce un atteggiamento muscolare da “vecchio padrone” (questo sì atteggiamento non più al passo con i tempi) e si accusa una redazione che, più di sempre, nell’ultimo anno è stata in grado malgrado le difficoltà, di garantire un prodotto la cui qualità consente oggi all’azienda di vantare un netto miglioramento dei risultati economici.
La ALG sarà sempre a fianco della redazione del Sole 24 Ore e vigilerà costantemente su tutto quanto accadrà al Sole 24 Ore.
Di seguito, il comunicato del CDR e la nota di solidarietà della FNSI

IL COMUNICATO DEL CDR
Care lettrici e cari lettori,
se permettete parliamo ancora di noi. Lo facciamo perché, a poco più di due settimane dall’uscita del nuovo formato cartaceo del Sole 24 Ore, la nostra redazione ha rinnovato il suo stato di agitazione. Una vecchia espressione da gergo sindacale, è vero, ma ha per noi adesso un senso profondo.
Un primo, gravissimo strappo c’è stato a inizio gennaio, quando l’azienda ha avviato il percorso che ha portato alla cassa integrazione a zero ore per i nostri colleghi della testata IL. Una ferita ancora aperta, perché da allora nessuno di loro è stato richiamato al lavoro, nonostante le uscite, nel corso delle ultime settimane, di diversi giornalisti dal perimetro del gruppo.
Dopo quella vicenda, è arrivato in questi giorni un altro strappo, a rendere ancora più tesi i rapporti nella nostra redazione: il ricorso a trasferimenti di redazione non consensuali. Un comportamento che viola per la prima volta una prassi sindacale per noi antica, posta a tutela delle competenze maturate negli anni dai giornalisti del Sole 24 Ore.
Ma il malessere di questi mesi va oltre queste vicende. Nasce anche da un direttore che, nel corso di un anno di pandemia e lavoro in emergenza, non ha mai scritto alla sua redazione, per condividere gli ottimi risultati raggiunti con il lavoro di tutti. Risultati che hanno permesso di chiudere l’ultimo bilancio in sostanziale equilibrio e dai quali, finalmente, ci aspettiamo un futuro prossimo che non basi la crescita dei margini e la sostenibilità del conto economico solo sul taglio dei costi.
Una mancanza di dialogo e un isolamento, quasi ostinatamente ricercati, che hanno prodotto un’organizzazione del lavoro sempre più sfilacciata, poco interessata a valorizzare gli sforzi di tutte le aree della redazione, come testimonia un recente giro di promozioni. Seguendo questo filo, la riorganizzazione in chiave digitale è rimasta nell’inchiostro dei piani editoriali, e anche il progetto del nuovo giornale è stato, purtroppo, un’opportunità agitata solo nei comunicati: molto è stato fatto nel rinnovamento della grafica, ma quasi nulla nel rinnovamento dei contenuti.
E così, ancora una volta, non è stata data risposta a una domanda: come consentire alle competenze del Sole 24 Ore di arrivare all’esterno nel modo migliore e contribuire alla crescita di valore e ricavi. Speravamo che il voto di sfiducia al direttore dello scorso novembre potesse essere il segnale che la linea organizzativa ed editoriale andava, almeno in parte, rivista. Tutto, invece, è rimasto fermo, compromettendo l’ambizione di costruire il nostro futuro.

… e la risposta dell’azienda
L’Azienda ribadisce che i risultati economici e finanziari si ottengono attraverso lo sviluppo dei ricavi e la decisa riduzione di tutti i costi di funzionamento.
Le battaglie che il Cdr ha intrapreso da qualche mese, tra cui impedire la flessibilità organizzativa e fermare i progetti di sviluppo appartengono a una vecchia logica e minano la difficile sfida della competitività, contravvengono il contratto di lavoro, impediscono lo sviluppo dei ricavi e la necessaria evoluzione verso il digitale.
Ciononostante l’Azienda proseguirà nell’ineludibile percorso di innovazione, sviluppo e sostenibilità economico-finanziaria.

LA NOTA DELA FNSI
IL SOLE 24 ORE,LA REDAZIONE RINNOVA LO STATO DI AGITAZIONE: “A RISCHIO IL FUTURO”. FNSI: “INACCETTABILE ATTACCO DELL’AZIENDA AL CDR”
«Care lettrici e cari lettori, se permettete parliamo ancora di noi. Lo facciamo perché, a poco più di due settimane dall’uscita del nuovo formato cartaceo del Sole 24 Ore, la nostra redazione ha rinnovato il suo stato di agitazione. Una vecchia espressione da gergo sindacale, è vero, ma ha per noi adesso un senso profondo». Così il Comitato di redazione del quotidiano di Confindustria in un comunicato pubblicato anche sul sito web del giornale.
«Un primo, gravissimo strappo – spiegano i giornalisti – c’è stato a inizio gennaio, quando l’azienda ha avviato il percorso che ha portato alla cassa integrazione a zero ore per i nostri colleghi della testata IL. Una ferita ancora aperta, perché da allora nessuno di loro è stato richiamato al lavoro, nonostante le uscite, nel corso delle ultime settimane, di diversi giornalisti dal perimetro del gruppo. Dopo quella vicenda, è arrivato in questi giorni un altro strappo, a rendere ancora più tesi i rapporti nella nostra redazione: il ricorso a trasferimenti di redazione non consensuali. Un comportamento che viola per la prima volta una prassi sindacale per noi antica, posta a tutela delle competenze maturate negli anni dai giornalisti del Sole 24 Ore».
Ma il «malessere» di questi mesi, incalza il Cdr, «va oltre queste vicende. Nasce anche da un direttore che, nel corso di un anno di pandemia e lavoro in emergenza, non ha mai scritto alla sua redazione, per condividere gli ottimi risultati raggiunti con il lavoro di tutti. Risultati che hanno permesso di chiudere l’ultimo bilancio in sostanziale equilibrio e dai quali, finalmente, ci aspettiamo un futuro prossimo che non basi la crescita dei margini e la sostenibilità del conto economico solo sul taglio dei costi».
«Una mancanza di dialogo e un isolamento, quasi ostinatamente ricercati, che hanno prodotto – proseguono i rappresentanti sindacali – un’organizzazione del lavoro sempre più sfilacciata, poco interessata a valorizzare gli sforzi di tutte le aree della redazione, come testimonia un recente giro di promozioni. Seguendo questo filo, la riorganizzazione in chiave digitale è rimasta nell’inchiostro dei piani editoriali, e anche il progetto del nuovo giornale è stato, purtroppo, un’opportunità agitata solo nei comunicati: molto è stato fatto nel rinnovamento della grafica, ma quasi nulla nel rinnovamento dei contenuti».
E così, «ancora una volta – conclude il Comitato di redazione –, non è stata data risposta a una domanda: come consentire alle competenze del Sole 24 Ore di arrivare all’esterno nel modo migliore e contribuire alla crescita di valore e ricavi. Speravamo che il voto di sfiducia al direttore dello scorso novembre potesse essere il segnale che la linea organizzativa ed editoriale andava, almeno in parte, rivista. Tutto, invece, è rimasto fermo, compromettendo l’ambizione di costruire il nostro futuro».
Dura la risposta dell’azienda, che, anticipando di voler proseguire «nell’eludibile percorso di innovazione, sviluppo e sostenibilità economico-finanziaria», ribadisce che «i risultati economici e finanziari si ottengono attraverso lo sviluppo dei ricavi e la decisa riduzione di tutti i costi di funzionamento» e punta il dito contro i giornalisti. «Le battaglie che il Cdr ha intrapreso da qualche mese, tra cui impedire la flessibilità organizzativa e fermare i progetti di sviluppo, appartengono – scrive l’editore – a una vecchia logica e minano la difficile sfida della competitività, contravvengono il contratto di lavoro, impediscono lo sviluppo dei ricavi e la necessaria evoluzione verso il digitale».
Al fianco dei colleghi la Federazione nazionale della Stampa italiana, che esprime solidarietà al Comitato di redazione e ai giornalisti del Sole 24 Ore. «Il tentativo di far passare azioni sindacali legittime per violazioni del contratto nazionale di lavoro, messo in atto dall’azienda in un documento pubblicato sull’edizione odierna del quotidiano, è inaccettabile e va respinto», ribatte il sindacato.
«Il diritto di intraprendere iniziative di protesta – incalza la Fnsi –, dallo stato di agitazione allo sciopero, e l’esercizio delle prerogative sindacali, peraltro con il sostegno del corpo redazione, sono garantiti dalla Costituzione. A nessuno, tanto meno a Confindustria, può essere consentito di mettere in discussione tali diritti né di provare a far passare iniziative sindacali per violazioni contrattuali. Per questa ragione, il sindacato dei giornalisti, a tutti i livelli, continuerà a seguire da vicino quanto succede al Sole 24 Ore, assicurando pieno sostegno al Comitato di redazione».

2 aprile 2021


Lascia un commento