I Cronisti ricordano Passalacqua


La morte di Guido Passalacqua ci addolora e ci fa sentire più soli: i cronisti perdono un punto di riferimento, autorevole e credibile. Perdono un collega che, in un momento storico in Italia così complicato per l’attività giornalistica, avrebbe potuto offrire ancora tanto.

In occasione della “Giornata della Memoria dei giornalisti uccisi da mafie e terrorismo”, svoltasi nel maggio scorso all’Auditorium della Regione Lombardia, il Gruppo Cronisti Lombardi aveva chiesto a Guido Passalacqua di rievocare quel 7 maggio 1980, quando tre terroristi della Brigata 28 Marzo – la stessa che tre settimane dopo uccise Walter Tobagi - gli spararono alle gambe due colpi di pistola accusandolo di essere un “giornalista riformista”. Lui ci ringraziò, ma rispose che la malattia lo costringeva a non muoversi più dal suo ritiro.

Rimane comunque la sobria testimonianza della sua vita professionale: mai eroe né reduce anche se la morte lo aveva sfiorato e mai indulgente con i “potenti” nonostante la sua passione per la politica.

Il Gruppo Cronisti Lombardi esprime il suo profondo cordoglio alla moglie Mariella e al figlio Tommaso, oltre ai colleghi del quotidiano La Repubblica, di cui Guido Passalacqua è stato una della colonne fin dal primo numero.

Il presidente
Rosi Brandi


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento