Ciao Sergio


Sergio StimoloQuesta mattina è mancato il collega Sergio Stimolo, storico giornalista e inviato speciale del Corriere della Sera, socio dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti per anni impegnato negli organismi di categoria.
Alla moglie Alba e ai figli Andrea e Simone (collega giornalista al Giorno) le condoglianze di tutta la Lombarda.
Di seguito il saluto e il ricordo di Mariagrazia Molinari, amica di Sergio e presidente dell’ALG dal 1996 al 2001.

“Ciao Sergio. Oggi martedì 14 settembre 2021, sul fare del giorno, hai deciso che il momento era arrivato per beffare il dolore, disdegnare le superflue cure palliative, continuare a coltivare speranze senza speranza. Così hai dato un calcio a tutto e ti sei chiuso alle spalle le porte di una vita. La tua vita, ricca d’amore, di conquiste, di successi, di delusioni, di sofferenze e insofferenze. Sei stato un guerriero che ha vinto molte battaglie, nel giornale e nel sindacato, non temendo mai di scendere nell’arena per affrontare chi voleva sbarrarti il cammino. Le sconfitte non ti abbattevano, anzi ti davano forza. Avevi un intuito acuto, capace di individuare senza tema di smentita chi appariva amico ma amico non lo era. Anzi. E di fronte ad alcuni scetticismi, il tempo ti avrebbe poi dato ragione. Così tu, con un certo piacere, potevi sibilare: “te l’avevo detto, io…”. Il tuo caratterino di siciliano, solo parzialmente mitigato dalla permanenza milanese, prendeva il sopravvento.
Giornale e sindacato, due percorsi paralleli, lunghi, faticosi ma anche ricchi di risultati. Al Corriere della Sera seguivi la politica e, dopo aver battagliato e “sofferto” per anni lavorando senza tregua in redazione, avevi infine raggiunto lo status di inviato speciale, grazie alla tua capacità di scegliere e mantenere contatti importanti sullo scenario nazionale ma anche per la passione e l’onestà che ti erano proprie. Avevi facilità di contatto, e però sono convinta che tu sia stato largamente aiutato da quei tuoi occhi azzurri da bambino che invitavano alla fiducia.
Per il sindacato, da sempre vicino a Walter Tobagi e Giorgio Santerini, ti sei conquistato sul campo voti e incarichi importanti, che hai sempre onorato: Ordine, Federazione nazionale della Stampa, Inpgi, Casagit…. In tutti questi organismi ti sei battuto per i colleghi, le loro retribuzioni, la difesa dei loro diritti.
È stato bello lavorare con te, organizzare campagne elettorali per colleghi disattenti, ascoltare i tuoi consigli e, talvolta, le tue rampogne per la mia eccessiva fiducia nel prossimo… Ma c’erano anche i grandi momenti per festeggiare, ridere insieme, cantare, soprattutto nella tua bella casa di campagna. In particolare nella tua hit parade era sempre in testa “Nessun dorma”, quell’aria della Turandot che sboccia nel trionfale “…all’alba vincerò…”. Cantavi a gola spiegata e sorridevi. Ciao Sergio”. (MGM)


Lascia un commento