Casagit, bilancio rosa


Cacciati alcuni furbetti. Scendono le quote individuali. Fino a quando durerà.

Un socio Casagit ha cercato di gonfiare i rimborsi richiesti modificando gli zero in 9. Peccato che si fosse dimenticato di ritoccare l’Iva. E così si è tradito.

Un secondo socio ha cercato di ottenere rimborsi da Casagit per spese mai effettuate utilizzando carta intestata di un ospedale, al quale l’aveva sottratta.
Altri due iscritti alla Casagit hanno presentato dichiarazioni dei redditi fasulle per dimostrare che il  coniuge/convivente a carico non aveva reddito e così evitare di versare i 972 euro annui dovuti.

(Inutile dire che tutti questi soci sono stati invitati ad accomodarsi fuori… Casagit. E quasi certamente seguiranno denunce).

Dopo l’entrata in vigore delle nuove norme sono state tagliate oltre 25 mila prestazioni di Fisioterapia, perchè non opportunamente documentate.
La spesa per i prodotti omeopatici è scesa del 25%, passando da 579 mila euro a 454 mila.

Che significano queste notizie provenienti dalla Casagit?
Pochi giorni fa (martedì 19 ottobre) il Consiglio di Amministrazione ha fissato, come ogni anno, le quote per l’iscrizione alla Casagit del 2011 per soci volontari, familiari e Casagit 2. E ha diminuito, anche se di poco, il contributo individuale per il coniuge non a carico, per i figli con oltre 26 anni e per i genitori e parenti fino al terzo grado.

Per il coniuge o convivente more uxorio le quote passano da 972 a 936 euro l’anno.
Per l’assistenza ai figli maggiori di 26 anni e di 30 anni, ai genitori e parenti fino al terzo grado le quote scendono rispettivamente di 24, 48 e 60 euro.
Inoltre non ci sarà alcun aumento al contributo aggiuntivo per il nucleo familiare (il cosiddetto Mav che va da 96 a 420 euro annuali a seconda delle fasce di reddito: da 30 mila euro l’anno a oltre 160 mila).

Restano invariati anche i contributi per i soci volontari (rispettivamente di 1848 - 2772 -3084 - 3396 euro a seconda del tipo di socio).
Restano invariati anche i contributi Casagit 2 (pari a 924 euro o 1848 euro)
Infine si comincia a lavorare per migliorare il tariffario fermo al 2004: prime fra tutte alcune voci di odontoiatria.

CONTO POSITIVO
Questi provvedimenti sono stati resi possibili perchè per il 2010 si prevede un conto economico positivo di 8 milioni e 155 mila euro.

(Nel 2008 registrò un rosso di 19 milioni e 160 euro, nel 2009 un attivo di 2 milioni e 676).
A diversi fattori, che esporrò compiutamente quando il bilancio avrà veste definitiva.
Fra essi, da non trascurare, i maggiori controlli che hanno portato, ad esempio, ad accentuare la <caccia> ai (pochi) <furbi> e la loro cacciata da Casagit (vedi gli esempi citati all’inizio); hanno innescato anche un calo delle spese per la Fisioterapia, (-6,6%), per i medicinali omeopatici, (-25%), per la chirurgia parodontale profonda: dal secondo trimestre 2009 l’obbligo di presentare la foto intraoperatoria ha fatto si che si sia passati da 266 mila euro a 149 mila euro.

Altri elementi che hanno permesso un bilancio roseo sono stati il rinnovo del contratto di lavoro dei giornalisti, il calo dei ricoveri e del loro costo, grazie all’introduzione dei pacchetti.

E’, però, cresciuto del 45% il rimborso per i trattamenti oncologici: <una conferma che non si vuole <razionalizzare> o tagliare indiscriminatamente sulla pellle dei soci>, ha commentato il direttore generale Francesco Matteoli.

CASAGIT FUORI PERICOLO?

Il buon conto economico ha consentito anche di ricostituire il patrimonio della Casagit (la riserva per coprire eventuali risultati negativi) intaccato negli ultimi anni e garantire, così, una tranquilla sopravvivenza della Cassa. Almeno fino al 2017. E poi?

Occorrono due parole di spiegazione. Un anno fa la Casagit si è dotata del Bilancio Tecnico Attuariale, uno studio previsionale sull’andamento del proprio bilancio di qui a 15-20 anni. In pratica, leggendo questo bilancio, si può capire come andranno le cose nel futuro non troppo vicino.

Ebbene - ha detto il presidente Daniele Cerrato incontrando i fiduciari di tutta Italia il 21 ottobre - messi, per ora, i conti in  sicurezza non possiamo tuttavia affermare che la Casagit sia “fuori pericolo” a tempo indefinito. Le proiezioni attuariali, infatti, consigliano grande prudenza. Dopo questo “picco” di attivo si tornerà, nei prossimi anni, a numeri più bassi e progressivamente decrescenti

Le simulazioni del bilancio attuariale - le cui tabelle non allego per non annoiarvi, ma che se qualcuno vuole controllare sono pronto a fornire - dicono due cose: in caso di tariffario costante la sopravvivenza del fondo è stimata al 2028; in caso di tariffario adeguato al 50% dell’Indice dei prezzi al consumo (IPC) il <fallimento> è anticipato al 2017

Ecco da che cosa nascono la prudenza per il futuro e la necessità di una gestione oculata e la correttezza di comportamento da parte di tutti.

IMPORTANTE AVVISO FINALE

A proposito del contributo individuale coniugi o conviventi (€ 972,00), molti soci hanno scritto o telefonato allarmati dopo il mio precedente messaggio.
Ma io verso già semestralmente con trattenute sulla busta paga o con il bollettino il contributo per il coniuge o convivente. Devo sottopormi a questo altro esborso? hanno protestato in tanti.

Attenzione: non si tratta di un nuovo balzello?

Si tratta di un controllo, o meglio di un censimento, di quelle coppie che godevano della dispensa dall’obbligo del versamento perchè un coniuge o convivente era senza reddito o con un reddito inferiore a 10.367,62 euro.

In pratica si vuole controllare se si ha sempre diritto a quel privilegio

Chi entro il 31 ottobre non dimostra il diritto all’esenzione riceverà, in novembre, il bollettino di pagamento relativo al contributo individuale per il coniuge o convivente more uxorio relativo a tutto il 2010.

L’equivoco forse è nato dal fatto che la lettera in cui si invitava a esibire la documentazione che comprova l’esenzione può essere giunta anche a chi già paga regolarmente il contributo di 972 euro. Insomma chi già paga non deve fare alcunchè!

A questo proposito - e concludo - sono state inviate 4431 lettere, corrispondenti al numero delle persone che godevano della dispensa.
Fino all’11 ottobre la situazione era la seguente: 2804 hanno risposto, 150 hanno richiesto la cessazione, 230 sono risultati non a carico e quindi pagheranno il contributo,  2273 hanno dimostrato di aver diritto all’esonero; per 151 è stata richiesta ulteriore documentazione; due hanno presentato dichiarazione dei redditi farlocche.

ALCUNE NOVITA’ NEL TARIFFARIO

Il consiglio di amministrazione Casagit il 22 settembre ha modificato i rimborsi riguardanti il noleggio e/acquisto di apparecchi elettromedicali (telecardologici, per apnee notturne, prevenzione trombosi, misurazione glicemia, fluidità  ematica etc..) parrucca post chemioterapia e reggiseno postoperatorio materassi e reti ortopedici, poltrona elettrica e ortopedica, prodotti antiallergici, alimenti proteici (ad es.per celiaci).
Per conoscere l’entità dell’importo e le condizioni per ottenere il contributo-rimborso, informatevi presso gli uffici di viale Montesanto 7- Milano.
Faccio presente che non c’è rimborso per acquisto di cyclette o tapis roulant, montascale o servoscala a poltroncina.

Ricordo che per la procreazione assistita si riconoscono al massimo 2 rimborsi e per la crioconservazione del liquido seminale viene rimborsato l’80% della spesa entro il massimale di 700 euro, mentre sono esclusi il deposito e la custodia degli embrioni.

Infine: per l’implantologia con osteontegrati il concorso della Cassa è previsto fino a un massimo di 11 impianti indipendentemente dal numero dei denti trattati.

Costantino Muscau, fiduciario Casagit
c.muscau@alice.it


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento