Como: per attaccare la stampa che fa domande il sindaco si mette a fare il comico (ma non fa ridere)


In Italia abbiamo visto i comici diventare politici. Con alterne fortune, ma comunque -indipendentemente da come la si pensi- con un discreto successo di seguito. Non era ancora capitato di vedere politici che vogliono fare i comici.

È invece accaduto ieri, a Como, ma con esiti molto meno fortunati. Anzi, potremmo dire proprio infelici, al limite del grottesco.

Il neoeletto sindaco Alessandro Rapinese, insieme con l’assessora Francesca Quagliarini, a corto di argomenti e con l’idea (poco originale, per la verità, ultimamente) di attaccare i giornalisti, si sono inventati una gag pubblicata sul profilo social del sindaco che ha fatto ridere solo loro.

I due -facendo peraltro confusione tra ruolo di giornalisti ed editore- utilizzano frasi più opache che esilaranti per prendersela con la testata ComoZero.it perché ha raccontato del recente rimpasto avvenuto in Giunta comunale.

Peccato che la satira non sia da tutti e così il video più che divertire mostra solo un patetico tentativo di screditare stampa e cronisti. Il tutto con l’evidente obiettivo di mettere in cattiva luce chi pone domande per capire situazioni e informare i cittadini.

“Per chi rappresenta un’istituzione dovrebbe essere normale sentirsi rivolgere domande - dice il presidente dell’Associazione lombarda giornalisti, Paolo Perucchini -: e allo stesso modo dovrebbe essere normale rispondere, nel nome della trasparenza che meritano i cittadini. Tutto questo anche se, a volte, i temi sono scomodi. Quanto accaduto a Como è inaccettabile: provare a dribblare la libera informazione con una risata fasulla, esprime solo la vera cifra di chi si sente comico, ma non lo è”.

sindcomo


Lascia un commento