Agenzia Dire: scatta lo sciopero contro gli annunciati 28 licenziamenti. Alg: la procedura va ritirata immediatamente, l’azienda si renda disponibile a un vero confronto


28 licenziamenti, 15 giornalisti e 13 grafici: è l’annuncio shock dell’Agenzia Dire formalizzata con l’apertura di una procedura di licenziamento collettivo presentata dopo un periodo di quasi due anni di utilizzo dei contratti di solidarietà: una scelta “pesante” che ha portato i giornalisti a sacrificare parte del loro stipendio per salvaguardare i livelli occupazionali.
Oggi – come spiega una nota riportata sullo stesso sito di Dire – l’assemblea dei redattori dell’agenzia ha deciso di proclamare una giornata di sciopero per domani, 27 settembre. Per i giornalisti riuniti in assemblea i licenziamenti sono inaccettabili e illegittimi e la procedura avviata dall’azienda viene definita lacunosa e scarsamente motivata.
Peraltro, va considerato che l’intera vicenda si sta sviluppando in un contesto di forte attrito tra azienda e Comitato di redazione: ad agosto l’azienda ha infatti citato il Cdr per diffamazione per una nota pubblicata a fine luglio sul sito della Slc-Cgil e mai uscita sui notiziari o sul sito dell’Agenzia Dire.

L’assemblea ha affidato al CdR un pacchetto di 5 giorni di sciopero da utilizzare nell’ambito del confronto e chiede all’azienda di ritirare non solo la procedura di licenziamento, ma anche l’azione legale nei confronti del CdR. Nel frattempo i redattori hanno deliberato anche lo sciopero delle firme.
Sulla vicenda l’Associazione Lombarda dei Giornalisti esprime piena solidarietà ai colleghi di Dire. L’ALG continuerà a sostenere le redazioni, così come ha fatto in questi anni, a maggior ragione di fronte a una procedura di licenziamento collettivo ingiustificata, incoerente e autolesionista.
Per il sindacato dei giornalisti lombardi, in questa situazione l’azienda dovrebbe cercare soluzioni percorribili invece di alzare i toni dello scontro e assumere atteggiamenti al limite del provocatorio. Per questo, la Lombarda invita l’agenzia a ritirare le procedure inutilmente aggressive rendendosi disponibili ad un confronto concreto e propositivo con il sindacato.
Nel frattempo, l’ALG si augura che il dipartimento per l’Editoria voglia vigilare sui comportamenti posti in essere dalle aziende che puntino ai finanziamenti pubblici.


Lascia un commento