Libertà di stampa: #NOBAVAGLIOCOSTA - I giornalisti protestano a Roma


1232Contro ogni bavaglio. E questa volta contro l’emendamento censura approvato dalla Camera su proposta dell’onorevole Costa.
Da qui, oggi, il sindacato unitario dei giornalisti -Fnsi e rappresentanti delle Associazioni territoriali di stampa- ha cominciato il suo nuovo impegno a favore della libertà d’informazione.
Prima con la riunione nella nuova sede federale dove la segretaria Alessandra Costante e il presidente Vittorio Di Trapani hanno introdotto le motivazioni della manifestazione. Una iniziativa fortemente voluta dall’Associazione Lombarda dei Giornalisti a difesa e tutela dei cronisti di nera e giudiziaria che già oggi sono in forte difficoltà nel fare cronaca, ma che saranno messi all’angolo se dovessero entrare in vigore i dettami dell’emendamento Costa.
1242Un provvedimento che non fa onore alla trasparenza e alla libertà d’informazione, ma che avvicina ancor di più il nostro Paese a realtà problematiche su questi fronti, come Ungheria e Polonia. Temi delicati ricordati nel corso dei loro interventi, dalla vicepresidente della Lombarda e membro dello Steering Commitee della Federazione europea dei giornalisti (Efj) Anna Del Freo, e del presidente della Lombarda Paolo Perucchini.
Al termine del confronto interno i giornalisti sono scesi per le vie di Roma.
Dalla nuova sede della Federazione della Stampa, in via delle Botteghe Oscure, la passeggiata contro i bavagli all’informazione ha portato i giornalisti a far tappa prima sotto il Senato, poi davanti alla Camera per concludersi sotto Palazzo Chigi.
Un flash mob per la libertà d’informazione -sancita anche dalla Costituzione- a favore dei cittadini. Non una rivendicazione di gruppo, categoria o corporazione, ma una battaglia civile a tutela della trasparenza e della conoscenza.

1251 1261
 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
Libertà di stampa: #NOBAVAGLIOCOSTA - La Lombarda a Roma a sostegno della FNSI
Il presidente Alg Paolo Perucchini al termine del flash mob a Roma.


 
 

#NOBAVAGLIOCOSTA: La protesta dei giornalisti - Alg presente al Flash Mob della FNSI a Roma


Bavagli alla stampa, al via la protesta della FNSI

bavstLa Federazione nazionale della Stampa italiana conferma che domani i suoi vertici, la segretaria generale Alessandra Costante e il presidente Vittorio di Trapani, sebbene invitati, non saranno alla conferenza stampa di fine anno della premier Meloni organizzata dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti e dall’Associazione Stampa Parlamentare.
Non è una esortazione a disertare un appuntamento istituzionale al quale i colleghi vengono inviati per lavoro, ma l’inizio della mobilitazione che il sindacato dei giornalisti metterà in campo contro provvedimenti che sanno di censura e per la dignità della professione.
La prima protesta della Fnsi sarà una passeggiata davanti ai palazzi del potere con il bavaglio sulla bocca.
L’invito ai colleghi è per domattina alle ore 10 nella sede della Federazione, in via delle Botteghe Oscure 54, a Roma.

27 dicembre 2023


“Bavaglio Costa” all’informazione. Parte la mobilitazione dei giornalisti. Il 28 dicembre prima iniziativa FNSI

155Si è riunita oggi la Giunta esecutiva della Fnsi con la Consulta dei presidenti e segretari delle Associazioni regionali di Stampa per organizzare la mobilitazione, che dovrà arrivare allo sciopero generale, contro l’emendamento Costa, norma che si prefigge di censurare la stampa e limitare il diritto dei cittadini a conoscere le notizie.
Giovedì 28 dicembre la Federazione nazionale della Stampa, come annunciato, non parteciperà alla conferenza stampa di fine anno della premier, espressione di una maggioranza che vuole stringere il bavaglio intorno all’informazione.
Quel giorno, invece, la Fnsi promuoverà una protesta simbolica che coinvolgerà i presidenti e i segretari delle Associazioni regionali, i cronisti e giornalisti tutti.
A seguire, il 3 gennaio prossimo sarà convocata la Conferenza dei Comitati di redazione per stabilire la scansione delle azioni che dovranno portare allo sciopero generale, uno sciopero contro la censura di Stato e per rivendicare l’identità e la dignità della nostra professione.
La protesta di Fnsi e Associazioni regionali di Stampa proseguirà fino allo sciopero generale con l’organizzazione di presidi davanti alle prefetture italiane.
In queste azioni sarà importante essere affiancati dalla società civile e dalle organizzazioni che si battono per la carta costituzionale e la democrazia.

21 dicembre 2023


Lascia un commento