I racconti delle borse. Lessico illustrato dalla Birkin allo zaino


I racconti delle borse. Lessico illustrato dalla Birkin allo zaino

Autore: Eugenio Gallavotti

Editrice: FrancoAngeli

borse“Stanca di portare le mie borse a mano, e di perderle, ci aggiunsi un cinturino e le misi a tracolla”
(Coco Chanel)
“Le borse per le donne sono come gli attributi per gli uomini; ci sentiremmo a disagio senza”
(Carrie Bradshaw in Sex and the City)
“C’era un signore seduto di fianco a me. Si presenta: era Jean-Louis Dumas di Hermès. Gli ho spiegato come avrei voluto la mia borsa ideale. Un anno dopo era nei negozi”
(Jane Birkin)
O la borsa o la vita? Ma no, la borsa è la vita. L’abbiamo mai pensato? La borsa è l’unico oggetto capace di comprendere tutte le nostre tre vite: pubblica, privata e segreta. La vita pubblica, quando scegliamo - e mostriamo - una clutch o una shopper anche per raccontare chi siamo… La vita privata, quando in una bucket infiliamo il telefono, il portafogli, le chiavi… La vita segreta, quando nella tasca interna di un bauletto chiusa da una zip - o da un lucchetto a mo’ di cassaforte - nascondiamo qualcosa che nessuno - o nessuna - dovrà mai scoprire. Ecco perché la borsa è così identitaria. Ecco perché spesso si chiama come una persona cara o un quattrozampe domestico: nel lessico contenuto in questo libro - il secondo di una trilogia sugli accessori moda - sono tanti i nomi propri, da Jackie a Bobby, da Gisele a Olympia, ben più di quanti se ne possano raccogliere in un glossario di scarpe o di gioielli. Una pubblicazione pensata non solo per gli studenti e le studentesse di moda, gli addetti ai lavori, gli share/stakeholder, ma per tutti coloro che desiderano immergersi nel mondo delle borse - anche attraverso visualizzazioni Qr Code - per scoprirne le storie, le origini, il design. Dai modelli da sogno alle tracolle sportive, in un susseguirsi di stili e dettagli, di lemmi sia classici sia contemporanei, con le diverse peculiarità dalla minaudière allo zaino, i materiali, le parti, i tagli come insegnano i migliori artigiani del mondo: gli italiani. A loro, al fatto a mano made in Italy, è dedicata la seconda parte del volume, con dialoghi e racconti: un’incursione nel backstage dei nostri laboratori e delle nostre fabbriche da Nord a Sud, dove creativi e manager rispondono anche alle tante domande legate al costume, all’attualità. Sarà davvero l’intelligenza artificiale a generare sacche e pochette di oggi e di domani? Ha sempre senso parlare di borsa ”da donna”? Esiste ancora una sporta chic che non sia anche sostenibile?


Lascia un commento