Inpgi: novità sul fronte previdenziale per freelance e co.co.co


inpginovCon le prime tre circolari l’Inpgi ha comunicato alcune novità sul fronte previdenziale per freelance e co.co.co. in attività e in pensione.

Per i co.co.co. non assicurati ad altre forme obbligatorie, l’aliquota contributiva sui compensi è stata confermata al 28% (26,00% IVS e 2,00 % prestazioni temporanee), di cui 18,67% a carico del committente e del 9,33% del giornalista. Resta al 17% (11,33% a carico del committente e 5,67% del giornalista) l’aliquota dovuta ai co.co.co. titolari anche di altra posizione assicurativa in altri enti previdenziali o pensionati. Il massimale imponibile è rideterminato a 119.650 euro, il reddito minimo per l’accredito della contribuzione è stato determinato in 18.415 euro.

Per chi svolge attività autonoma l’aliquota contributiva resta al 12% del reddito netto imponibile. E sale al 14% per le quote di reddito professionale netto eccedenti i 24 mila euro. È pari a 416,64 euro Il contributo minimo ordinario; 217,54 euro quello ridotto per i giornalisti con meno di 5 anni d’anzianità professionale e 267,31 euro quello ridotto per i titolari di trattamento pensionistico diretto.

In fine, con il rateo di pensione di gennaio 2024 l’INPGI ha applicato a tutti i trattamenti pensionistici in essere a fine 2023 una rivalutazione del 5,4%.


Lascia un commento