Il caso La Provincia Pavese all’attenzione delle istituzioni. Vertice in Provincia a Pavia


pvUna delegazione di giornalisti della Provincia pavese ha incontrato ieri Giovanni Palli, presidente dell’amministrazione provinciale, per parlare della cessione, da parte di Gedi, della storica testata a un acquirente che non vuole al momento palesarsi. I giornalisti hanno espresso a Palli le loro preoccupazioni in merito alla vendita.
La sera precedente Carlo Gariboldi, componente del cdr e consigliere Alg, aveva letto nell’assemblea del consiglio comunale di Pavia un comunicato.
«Ci troviamo in una fase molto e delicata della vita del nostro quotidiano - ha detto Gariboldi. La proprietà ha già venduto 12 giornali locali ed è ora in trattativa per vendere anche la Provincia Pavese. Il possibile compratore, che sta eseguendo la verifica dei conti, ha chiesto all’editore di restare nell’ombra, una scelta legale, ma che suscita sospetti” L’ipotesi che circola, proseguiva il comunicato, è quella di una partecipazione diretta o indiretta della politica nella futura proprietà del giornale. Una cosa giudicata estremamente pericolosa dalla redazione, secondo cui il danno per la testata sarebbe enorme: non sarebbe rispettata la tradizione indipendenza del giornale, su cui tutto il dibattito politico trova spazio.

21 febbraio 2024


Cessione de La Provincia Pavese, il sindacato in visita alla redazione

Dopo lo sciopero, nei giorni scorsi, dei colleghi de La Provincia pavese, che sta per essere ceduta da Gedi a un compratore ancora ignoto, Paolo Perucchini, presidente Alg e la vicepresidente Anna Del Freo hanno fatto visita alla redazione. In seguito Alg e redazione hanno chiesto un incontro al prefetto di Pavia, Francesca De Carlini. Perucchini e alcuni rappresentanti dei giornalisti si sono recari da lei venerdì e le hanno spiegato le loro preoccupazioni sul destino della storica testata.

19 febbraio 2024


Il prefetto di Pavia Francesca De Carlini ha garantito il suo impegno a monitorare l’evoluzione dell’annunciata cessione del quotidiano La Provincia Pavese da Gedi a un potenziale acquirente che, al momento, vuole restare anonimo. È una questione importante non solo per la cinquantina di giornalisti che, tra dipendenti, collaboratori e freelance, gravitano attorno alla testata, ma anche per l’impatto sociale ha sul diritto all’informazione indipendente per Pavia e la sua provincia.
È quanto emerso nel corso dell’incontro che ha portato in Prefettura una delegazione di giornalisti de La Provincia Pavese, guidata dal comitato di redazione del quotidiano e dal presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini. I giornalisti e il sindacato hanno sottolineato la propria preoccupazione dopo le conferme da parte di Gedi circa l’operazione di cessione che, seppur attesa, ora pare agli sgoccioli, ma resta coperta dal riserbo assoluto sul nome di chi intende rilevare lo storico quotidiano. “Ringraziamo il prefetto di Pavia per la disponibilità e l’attenzione e ci auguriamo che anche il suo interessamento possa portare da subito alla massima trasparenza, garantendo così un contesto di maggiori certezze” ha affermato Perucchini.

prefpv

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Provincia Pavese in vendita, incontro con i colleghi dopo lo sciopero di ieri

provpav1Paolo Perucchini e Anna Del Freo hanno incontrato stamani i colleghi de La Provincia Pavese, che hanno espresso tutta la loro preoccupazione per le sorti della testata. Il gruppo Gedi infatti non ha ancora voluto rivelare chi siano gli acquirenti ai quali intende cedere il giornale, che peraltro è il punto di riferimento dell’informazione locale. Non è dato sapere se l’acquirente sarà un editore e avrà il know how per gestire il giornale, che oltretutto negli ultimi anni ha subito il taglio di tutti i servizi amministrativi e del relativo personale, in quanto tutti i servizi erano stati centralizzati a livello di gruppo. Ma soprattutto, le domande che i giornalisti su pongono, riguardanti la gestione della redazione e l’indipendenza di un giornale finora sempre appartenuto a grandi gruppi che ne hanno garantito l’indipendenza. Troppe volte, in questi anni, infatti, le cessioni nell’editoria sono state fatte a proprietari che acquisivano le testate per garantirsi interessi “altri” rispetto a quelli di una informazione indipendente e di qualità. I colleghi hanno anche espresso le loro preoccupazioni sulla tenuta economica di un futuro progetto editoriale che peraltro finora non è dato conoscere minimamente. Il presidente e la vicepresidente Alg hanno assicurato l’impegno della Lombarda per sostenere i colleghi in ogni modo e interessare anche le istituzioni locali al destino de La Provincia

14 febbraio 2024


prov-pavQuesta mattina il presidente Alg, Paolo Perucchini e la vicepresidente Anna Del Freo si sono recati a Pavia alla redazione de La Provincia pavese per incontrare i colleghi riuniti in assemblea dopo lo sciopero di ieri. È infatti stato annunciato che lo storico giornale del gruppo Gedi sarà venduto a un acquirente non ancora reso noto. Paolo Perucchini e Anna Del Freo hanno incontrato anche il direttore, Andrea Filippi. Grande è la preoccupazione sul destino, ad oggi non ancora chiaro, della testata, che è il punto si riferimento di tutta l’informazione locale nell’area pavese.
14 febbraio 2024

 


La Provincia Pavese, giornale in vendita. Domani sciopero

Sciopero dei giornalisti, domani, a La Provincia Pavese. Il gruppo Gedi ha annunciato la prossima vendita ma c’è il massimo riserbo sul nome dell’acquirente. La situazione, così come si sta configurando, è fonte di grande preoccupazione, non solo per i destini di una storica testata locale, ma anche per quanto potrà accadere sul fronte della tenuta occupazionale.

L’Associazione Lombarda dei Giornalisti esprime solidarietà ai colleghi e da subito si mette a disposizione per gestire questo delicato momento con l’obiettivo di tutelare il futuro dei giornalisti di Pavia.

laprovpa

 
 
 
 
 
 
 
 
 

12 febbraio 2024


Lascia un commento