“La felicità è qui”


la-felicita-e-qui






Quando si è dovuto trovare un titolo a un lungo viaggio nel vivere d’oggi, fra le cento stazioni in cui il pensiero di Raffaele Morelli ha fatto sosta per rispondere alle domande di Luciano Falsiroli, si è scelto giustamente la parola “felicità”, o meglio “La felicità è qui”. In fondo la meta più cercata da ogni essere umano. Ma anche l’approdo più sfuggente. Come ci aiuta Morelli, psichiatra e psicanalista, ad avvicinarlo (raggiungerlo)? Invitandoci a guardare dentro noi stessi. Ma con occhi e pensieri diversi da quelli con cui siamo soliti frugare nella nostra mente e spesso torturare il nostro animo. Suggerisce un’indagine indulgente verso ogni tipo di disagio. Due le condizioni che pone: la spontaneità e la pietas. Riabilita persino i nostri vizi , dall’invidia all’ira, ai rancori profondi. Li rivaluta, perché li considera preziose fonti di energia. Sotto la sua “lente” scorrono i passaggi chiave della nostra esistenza: la famiglia, i giovani, l’amore, la solitudine, la vecchiaia e altri ancora come la, la fede. Ne sottolinea la loro natura, suggerendo come viverne l’inevitabile evoluzione. Indaga sul “lato oscuro” che ci abita e dove si nasconde la verità di ciascuno, Morelli affronta con slancio anche l’ostacolo più duro, il “dopo”. Non gioca d’azzardo. E partendo dagli albori dell’uomo conclude con un verosimile “Siamo eterni”.

A.V. “La felicità è qui” di Raffaele Morelli e Luciano Falsiroli,

Mondadori, pp. 148, € 15


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento