Novità e notizie Casagit


A completezza dell’articolo recentemente pubblicato, riportiamo alcune novità e notizie utili relative alla Casagit e alle prestazioni nei centri convenzionati.

Si inizia con l’Auxologico.

La clinica Capitanio ha nuovi medici convenzionati con la Casagit:
Pio De Pasquali - ortopedia e traumatologia - chirurgia del piede - chirurgia mini-invasiva
Miguel Mario Marcoppido - Ortopedia e traumatologia
Elena Mantovani - Oculista
Raffaella Ricci - Oculista

N.B.: Prima di ogni singolo intervento occorre verificare la convenzione con la clinica consultandosi con gli uffici Casagit.

FISIOTERAPIA E PARTI
Il Consiglio di Amministrazione Casagit in luglio ha preso due nuovi provvedimenti riguardanti FISIOTERAPIA e PARTO

FISIOTERAPIA - La Casagit rimborserà anche le prestazioni di idrokinesiterapia svolte presso centri medici non specializzati e le prestazioni fisioterapiche svolte presso centri di cure termali: in questi casi sarà però necessario - oltre alla documentazione normalmente richiesta - anche il nome del terapista che ha effettuato il trattamento e la copia del diploma del terapista stesso. In tutti gli altri casi saranno liquidate solo le prestazioni effettuate in centri medici specializzati.
E’ stato introdotto un nuovo “pacchetto” che prevede un rimborso fino ad un massimo di 2000 euro nel caso in cui per il parto si sia fatto ricorso alla sola assistenza ostetrica (senza altri oneri per la Cassa).
A proposito del parto, è opportuno ricordare la regola generale: in caso di parto spontaneo le prestazioni comprese nel cosiddetto “pacchetto” sono 3 giorni di degenza + sala parto + medicinali + materiali + ginecologo + pediatra + ostetrica.
In caso di parto cesareo le prestazioni comprese nel “pacchetto” sono 4 giorni di degenza + sala operatoria + medicinali + materiali + equipe chirurgica + pediatra.

(N.B. Alla Mangiagalli le condizioni sono “leggermente” più favorevoli, informarsi presso i nostri uffici in viale Monte Santo, 7)
Nel caso in cui il medico non fosse convenzionato il rimborso verrebbe effettuato in forma indiretta dietro presentazione delle fatture e della cartella clinica (per il parto spontaneo il rimborso Casagit omnicomprensivo previsto è di € 4.000,00; per il parto cesareo il rimborso omnicomprensivo previsto è di € 6.000,00).

STAMINALI
Ricordo anche che per l’eventuale utilizzo di derivati dalle cellule (es. staminali) la Casagit copre in forma diretta il 50% del costo delle procedure connesse a questa prestazione. Il rimanente 50% , pertanto è a carico del socio.

ERRORE DA CORREGGERE
Un altro errore (o piccolo pasticcio) è successo in tipografia nella preparazione dell’ultimo numero di “Il Giornalismo”: è saltata la testatina NEUROLOGIA, ragione per cui i neurologi (dal dottor Natale Curtò alla dottoressa Maria Volontè) sono finiti sotto la voce NEFROLOGIA.

TICKET NON RIMBORSABILI
Due parole, infine, sulla Manovra Economica del Governo varata in luglio. Essa ripropone la Legge n. 296 del 27/12/2006 che introduceva, per gli assistiti non esentati, una di 10 euro per le prestazioni di assistenza specialistica. Lo stesso valeva, nella misura di 25 euro, per i cosiddetti nei Pronto Soccorso. Questa Legge fu poi abrogata nel maggio del 2007 e ora, di fatto, è stata reintrodotta.
La quota fissa o ticket, NON VIENE RIMBORSATA DA CASAGIT, perchè si tratta di un’imposizione di natura diversa dal compenso per una prestazione sanitaria. Così aveva deciso il Consiglio di Amministrazione nel marzo 2007 e questo ha ribadito l’attuale CdA il 19 luglio scorso.
Tutta la materia, comunque, è oggetto di attenzione continua ed è costantemente monitorata anche alla luce dei provvedimenti regionali che risultano essere in aggiornamento.
Il Consiglio di Amministrazione ricorda, però, che per gli assistiti della Casagit, la rete delle convenzioni dirette per le visite specialistiche, per le TAC e le RNM, ampliata negli ultimi due anni (19 poliambulatori e 80 centri diagnostici in tutt’Italia) è in grado di garantire un valido servizio integrativo.

In altre parole se si fa ricorso al Poliambulatorio di viale Monte Santo o ai centri convenzionati, non si paga il ticket per le prestazioni.

La dentista milanese Daniela Carmagnola, di via Carnevali 43a, ha deciso di chiudere la convenzione con la CASSA.

(Costantino Muscau)


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento