Casagit, novità 2012


AUXOLOGICO: stop alle visite dirette
CASAGIT E FAMIGLIA: calano contributi
ODONTOIATRIA: al via le nuove tariffe
DISOCCUPATI E CASSINTEGRATI: cancellati i contributi
ISCRIZIONE: maggiore flessibilità
CROCE ROSSA ITALIANA: il medico nel week end

Cari colleghi e soci Casagit, cominciamo con una… brutta notizia, così, per levare subito il dolore.
Dal 1 gennaio 2012 è cambiato un pluriennale accordo con l’Istituto Auxologico Italiano, che - come noto - ha le seguenti sedi: via Ariosto 13, via Pier Lombardo 22, piazzale Brescia 20, via Mosè Bianchi 90.
La sgradita novità è questa: le visite specialistiche non sono più in forma diretta, ma indiretta.
Il che vuol dire che si pagano (80 euro) e poi se ne chiede il rimborso alla Casagit.
In compenso, però, restano in forma diretta la Risonanza e la Tac non solo in via Ariosto e in piazzale Brescia, ma anche nella casa di cura San Carlo, in via Pier Lombardo.
Non è tutto: passano in forma diretta anche gli esami endoscopici.
Per tutti gli esami in forma diretta in ambito ambulatoriale occorre, naturalmente, la prescrizione medica, attestante la patologia, e l’autorizzazione preventiva da parte del nostro ufficio di viale Montesanto.
Ricordo che chi ricorre agli specialisti del Poliambulatorio dell’Associazione Lombarda Giornalisti (sempre in viale Montesanto) non deve anticipare nulla.
Il telefono del Poliambulatorio è 026375235.
Per annullare una visita prenotata è anche possibile scrivere a: anna@assogiornalisti.it
Inoltre c’è anche la possibilità (come leggerete in fondo) di ricorrere agli specialisti dell’ambulatorio della Croce rossa (sia pure con qualche restrizione: non basta essere associati alla Casagit, occorre essere iscritti anche all’Associazione Lombarda dei Giornalisti

CASAGIT E FAMIGLIA

Le quote associative per il 2012 non hanno subito aumenti né per i soci volontari né per quelli iscritti alla Casagit 2.
Invariati sono rimasti pure i Mav.
Sono, invece, diminuiti i contributi per i coniugi, o conviventi more uxorio (in due anni si è passati da 972 a 900 euro); per i figli maggiori di 26 e 30 anni si è scesi rispettivamente, nello stesso periodo, di 96 e 144 euro. Ora il contributo associativo per i figli ultraventiseienni è di 1260 euro, per gli ultratrentenni di 1668 euro.
In Lombardia i coniugi con quota individuale sono quasi 2000 (per la precisione: 1975 al dicembre scorso) e 106 i figli con quota individuale.

ODONTOIATRIA

Il 1° gennaio è entrato in vigore il nuovo Tariffario Odontoiatrico nel senso che è stato aggiornato con l’inserimento di nuove voci in linea con le tecniche d’intervento più attuali (innesti, impianti), con l’eliminazione di altre voci ormai superate, e con rimborsi maggiori per alcune prestazioni. Uno sforzo economico della Cassa di circa due milioni e mezzo di euro l’anno.
L’intervento riguarda oltre il 40% delle prestazioni con una concentrazione degli aumenti economici su 4 classi tariffarie (protesi fisse e corone, otturazioni, trattamenti ortodontici e impianti osteointegrati). Per le protesi fisse, la rivalutazione media è del 30% con limiti temporali per il rifacimento portati a 7 anni, cioè allineati alle prassi attuali confortati dalla letteratura scientifica che, in materia, parla di 10 / 15 anni. Per le otturazioni l’aumento sarà del 33% e per i trattamenti ortodontici da un minimo del 27% fino al 42%.
Le nuove tariffe comprendono la prima visita valutativa, l’anestesia locale, i punti di sutura, le rx endorali, le foto e di quant’altro necessario per l’effettuazione della prestazione.
MA ATTENZIONE: non è previsto alcun rimborso per le visite specialistiche odontoiatriche.

Per l’assistenza in forma diretta
Lo Studio Odontoiatrico dovrà richiedere alla Casagit una preventiva autorizzazione presentando la , che dovrà essere firmata dal medico e dall’assistito, corredata di tutti gli esami preventivi previsti. Lo Studio Odontoiatrico NON potrà richiedere il versamento di somme aggiuntive alle tariffe presenti nel Tariffario, se non in caso di autorizzazioni parziali, prestazioni non previste dalla Cassa e quote a carico dell’associato per impianti osteointegrati, che dovranno essere comunicate anticipatamente all’associato prima dell’inizio della cura. Se dovessero verificarsi richieste anomale da parte del dentista, informate il fiduciario o la sede di Roma.

Per l’assistenza in forma indiretta
Il socio dovrà presentare al termine della cura:
- Scheda per le cure odontoiatriche (sul modulo ad hoc) firmato dal medico e dall’assistito
- fattura
- documentazione diagnostica indicata nella colonna

Fatturazione
Le fatture dovranno essere presentate entro i termini di rimborso stabiliti; sono ammesse solo le fatture riguardanti cure già effettuate e terminate.
Le fatture di acconto sono rimborsabili solo se presentate unitamente a quella di saldo. I termini di presentazione della documentazione per ottenere il rimborso decorrono, anche per le fatture di acconto, dalla data della fattura di saldo.

Controlli sanitari
La CASAGIT si riserva il diritto di richiedere nuova documentazione o di verificare, anche attraverso dentisti di propria fiducia, lo stato di malattia degli assistiti e la congruità e la pertinenza delle spese per le quali è chiesto il concorso e di limitare l’intervento alle spese ritenute ingiustificate.

DISOCCUPATI E CASSINTEGRATI

Dal 1° gennaio 2012 per i colleghi che hanno perso o rischiano di perdere il posto di lavoro la Casagit assicura fino a 2 anni di copertura sanitaria senza richiedere contributi. In parole povere non saranno più chiamati a versare 22 euro il mese i cassintegrati e 28 euro il mese i disoccupati. Dopo questo biennio i colleghi avranno un anno di tempo per decidere se continuare a essere iscritti come soci volontari della Casagit principale o scegliere tra le opzioni di Casagit 2 in elaborazione. In questo momento in Lombardia abbiamo 127 disoccupati, 51 cassintegrati e 82 in presunta disoccupazione.

TERMINI D’ISCRIZIONE

Sono stati ampliati i termini d’iscrizione per i soci volontari. Infatti da quest’anno possono presentare domanda di adesione
°entro 24 mesi dalla data di notifica del provvedimento definitivo d’iscrizione all’Ordine dei Giornalisti
° entro 12 mesi dalla data di apertura della prima posizione INPGI
° entro il 35° anno di età.
E’ stata prevista anche la possibilità, per i volontari, di sospendere il rapporto associativo con la Casagit, ma per una sola volta e per un massimo di 12 mesi. In pratica: un associato volontario, se si dovesse trovare in difficoltà economiche, invece di diventare moroso e rischiare quindi perdere per sempre la copertura sanitaria, potrà , congelare la propria posizione e poi riattivarla.
E’ stata prevista anche la possibilità di iscrivere un solo genitore.
Ricordo, infine, che il coniuge, per avere diritto all’erogazione delle prestazioni dalla data d’iscrizione e non dopo 180 giorni, deve presentare la domanda di adesione alla Casagit
°contestualmente all’iscrizione del titolare
°entro 6 mesi dalla notifica dell’iscrizione del titolare
°entro 6 mesi dalla data del matrimonio
Il convivente more uxorio acquisisce il diritto alle prestazioni dopo 180 giorni dalla data di iscrizione.

CROCE ROSSA, LOMBARDA, CASAGIT

Concludiamo con una buona notizia, il ottenuto dal Sindacato regionale (Associazione Lombarda dei Giornalisti), che ha stipulato una convenzione con l’ambulatorio di via Pucci 7 (accanto alla sede Rai di Milano di corso Sempione) della Croce Rossa Italiana. Il telefono è 02 331291 - www.crimilano.it
Questo ambulatorio è aperto dal lunedì al sabato dalle 8 alle 12 e dalle 15 alle 19.
La domenica dalle 8 alle 12.

Che cosa offre la convenzione?
I giornalisti iscritti al sindacato e i loro familiari possono ricorrere alle prestazioni mediche a tariffe agevolate, 7 giorni su 7, ma soprattutto durante i festivi, gli week end e i ponti, quando Milano diventa un deserto dal punto di vista dei medici, soprattutto specialisti.
Basta solamente che i soci presentino un documento che attesti l’appartenenza alla Alg (non alla Casagit, in quanto non tutti gli iscritti alla Cassa sono anche soci della Lombarda!.)

Quali sono le prestazioni offerte?
Eccone alcune: visite specialistiche, anche pediatriche a 30 euro;
visite mediche successive a 20 euro
ricetta medica a 20 euro
certificato medico (oltre la visita) a 20 euro
primo trattamento ferite a 35 euro
rimedicazioni a 25 euro
lavaggio auricolare a 50 euro
iniezione endovenosa a 25 euro
fleboclisi a 35 euro
vaccinazione antinfluenzale a 10 euro
sostituzione catetere vescicale a 50 euro
iniezione intramuscolare a 4 euro

Che cosa c’entra la Casagit?
Semplice: dietro presentazione della ricevuta emessa dalla Croce Rossa (in cui deve comparire di quale visita specialistica, o di quale prestazione si è usufruito), la Casagit rimborsa secondo la prassi normale, cioè consegnando la documentazione all’ufficio Casagit.
Il rimborso, che non è previsto dalla Casagit per tutte le prestazioni offerte dall’ambulatorio della Croce Rossa, avverrà secondo questo tariffario:
- visita specialistica: 30 euro
- primo trattamento ferite: 23 euro
- rimedicazioni: 23 euro
- sostituzione catetere 34 o 23 euro a seconda che si tratti di un uomo o di una donna
- iniezione endovenosa: 11 euro
- fleboclisi: 28 euro
- vaccinazioni (antinfluenzale compresa): 9 euro

Costantino Muscau
fiduciario Casagit


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Un commento

  1. Sergio Nunziata scrive:

    Mi sembra un’ottima impostazione del nuovo ausilio sanitario per i giornalisti professionisti (anche pensionati).
    Unica osservazione: l’aumento da 5 a 7 anni il limite per il rinnovo delle protesi fisse in odontoiatria. E’ anche una questione di igiene, per chi ne ha bisogno.
    Semmai, subordinerei l’autorizzazione dopo i 5 anni ad un controllo preventivo presso l’Ambulatorio ALG da parte di uno dei medici operanti presso lo stesso. GRazie per l’attenzione.


Lascia un commento