Il Cdr Ansa su art.18


Il Cdr dell’Ansa condivide la posizione della Federazione nazionale della stampa sulla riforma del lavoro ed esprime allarme, in particolare, per le modifiche previste all’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, ritenendo pericolose variazioni strutturali a uno strumento giuridico che tutela i dipendenti da possibili illegittimi licenziamenti.

In particolar modo la riforma appare inaccettabile laddove consente licenziamenti per motivi economici: questo potrebbe concedere alle imprese l’opportunita’ di applicare un’impropria e arbitraria riduzione del personale adducendo problemi gestionali e di costi e di liberarsi in particolare dei contratti maggiormente onerosi. Altrettanto grave appare, nell’ipotesi di licenziamento disciplinare, consentire al giudice di risolvere il contratto anche soltanto con un indennizzo, invece del reintegro previsto dalla norma attualmente in vigore. Inoltre nel settore dell’informazione l’applicazione della modifica dell’art.18 potrebbe trasformarsi in un mezzo di pressione sui colleghi. Per questo il Cdr dell’Ansa ritiene che questa riforma possa avere pesanti ricadute, oltre che sui livelli occupazionali, anche sull’autonomia dei giornalisti, costituendo un grave vulnus per la liberta’di stampa e la democrazia.

Come Cdr dell’Ansa sollecitiamo quindi l’Ordine nazionale dei giornalisti e la Federazione nazionale della stampa a intervenire subito, con i metodi che si ritengano piu’ opportuni ed efficaci, per mettere in campo un’azione forte, ciascuno nel proprio ruolo, a tutela della professione giornalistica.


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento