Giornalisti Prs contro ipotesi di tagli


Ai colleghi delle testate del gruppo Prs va la solidarietà della Alg, al loro fianco in questo delicato momento. Ecco il testo del loro comunicato.

“Nell’incontro urgente richiesto dal Comitato di redazione, Prs editore ha smentito categoricamente (anche con un comunicato ufficiale) ogni trattativa sulla cessione di testate a Cairo editore o ad altri editori. Nel contempo ha però annunciato che entro fine anno interverrà sul corpo redazionale di Visto e Novella 2000 per ridurre i costi di gestione, con gli strumenti a sua disposizione a norma di legge. Escludendo a priori l’uso di ammortizzatori sociali.

Questa inquietante comunicazione è solo l’ultimo atto di una gestione che purtroppo ha confermato molti dei timori manifestati dai giornalisti ai tempi della cessione delle testate da Rcs a Prs editore.
Va ricordato infatti che Prs editore, il 1° agosto 2013, aveva acquisiti da Rcs periodici le testate Visto, Novella, Ok Salute, Astra, oltre alle testate del polo dell’enigmistica. Operazione - per la quale Prs ha ottenuto da Rcs una “dote” di circa 5.000.000 euro - che all’epoca fu accompagnata dall’annuncio di piani di rilancio delle testate e dall’assicurazione del mantenimento dell’occupazione anche al di là dei due anni di garanzia concordati durante la trattativa di cessione. All’epoca l’azienda rifiutò con sdegno le illazioni di chi invece riteneva che il passaggio delle testate fosse solo un modo per “rottamare” giornalisti in esubero, compito a cui Prs in qualche modo si prestava.

Le cose, però, sono andate diversamente. In questi due anni e mezzo le redazioni si sono impoverite, e sono state ridotte ai minimi termini, ai limiti della capacità di funzionamento. I colleghi usciti dall’azienda in modo volontario non sono mai stati sostituiti.

Non più tardi di tre mesi fa, l’amministratore delegato Federico Silvestri, aveva comunque ancora garantito la continuità occupazionale all’interno del gruppo. Negli ultimi giorni, invece, si sono verificati episodi inquietanti: dalle ripetute voci di cessione di alcune testate, al licenziamento in tronco del vicedirettore di Visto e Novella 2000, Giovanni Paoli, giustificato esclusivamente da motivi economici. Per finire con la comunicazione di oggi, che apre scenari preoccupanti alludendo in modo chiarissimo a una riduzione del numero di colleghi a tempo indeterminato: possibili licenziamenti che vanno ad aggiungersi all’esclusione di certezze per i giornalisti a tempo determinato, oggi assolutamente indispensabili al normale funzionamento delle redazioni, tre dei quali in scadenza di contratto proprio il 31 dicembre.

L’assemblea dei giornalisti di Prs si oppone con forza a ogni taglio occupazionale in redazioni già ridotte all’osso, e non esclude alcuna forma di mobilitazione per contrastare ogni ipotesi aziendale che vada in quella direzione.

Con l’assistenza dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, l’assemblea dei giornalisti chiede quindi a Prs di aprire immediatamente un tavolo di confronto ufficiale sui temi annunciati.
Il Cdr PRS”


Segnala questo articolo:
  • E-mail this story to a friend!
  • Google
  • Facebook
  • TwitThis
  • YahooMyWeb
  • Live
  • oknotizie
  • Segnalo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Tumblr
  • Wikio
  • Wikio IT
  • Print this article!
  • Blogosphere News
  • LinkedIn
  • segnalo
  • Yahoo! Buzz

Lascia un commento